Header

Dopo aver giocato il primo bonus per mancanza di giocatori senior, il Pro Patria Club è in trattativa con il direttore generale Raffaele Ferrara per la cessione di uno svincolato over. Ferrara ha giudicato troppo giovani Alessandro Bianchi e Andrea Scalvi che quindi si accaseranno altrove, Fazzari e Grecchi non hanno superato le visite mediche e se ne riparlerà il prossimo campionato, scartato Bonfanti per la distanza di residenza che avrebbe creato extra costi societari,  non tesserabili le donne Lualdi e Colombo, la selezione è tra i rimanenti. Vergani si è tolto da solo dalla selezione presentandosi con la maglietta sponsorizzata dalla Prealpina che ha imbufalito patron Vavassori con conseguente immediata esclusione dalla lista dei candidati. Molto più strategico è stato Giovanni Castiglioni che indossava la casacca con il brand "Italsempione"di proprietà del patron, ma sembrerebbe che il presidente del Pro Patria Club lo abbia dichiarato incedibile in quanto coinvolto in un progetto editoriale importante dal quale non può essere allontanato. Mariani, seppur abbia tentato la carta di differenziare la maglia per colpire nel segno, proviene da Vector, società che opera nello stesso campo commerciale del patron e questo avrebbe raffreddato gli entusiasmi per l'ingaggio del solido Mariani.
Gino Rossi ha partecipato alla selezione solo per stare in compagnia, le sue velleità erano da subito considerate nulle vista la distanza ideologica con lo stile societario da sempre dichiarato sulle colonne del Tigrottino.
Sergio Marra è stato a lungo in ballottaggio anche per la sua perfetta forma fisica che avrebbe permesso di schierarlo fin da subito. Sembra però che il talento bustocco abbia chiesto un triennale e non un trimestrale come offerto da Vavassori. Marra non ha gradito la perdita di tempo e sembra deciso a chiedere un rimborso che se non concesso potrebbe costringerlo ad adire a vie legali tramite il suo procuratore Golda Perini
Voci filtrate nella giornata di ieri danno per favorito Alberto Pedotti il cui tesseramento permetterebbe in termini di età di rinunciare a Calzi, Serafini e Polverini in una volta sola senza correre rischi di mancata media età.
 Pedotti ha solo chiesto la possibilità di non partecipare ai ritiri per poter seguire la santa Messa domenicale, richiesta subito accettata in quanto in linea con la politica di saving che la società sta attuando. Per lui pronto un trisettimanale con formula della comproprietà senza diritto di riscatto, nonostante il presidente del Pro Patria Club Centenaro spingesse per la cessione definitiva.
Pedotti dovrebbe espletare entro la giornata di lunedì le visite mediche rendendosi disponibile alla ripresa degli allenamenti di martedì.
www.tuttomercatobustocco.com

0 commenti: