Header

Ci hanno chiamato in molti per manifestare l'apprezzamento per la domenica speciale vissuta dai ragazzi dell'associazione "Più di 21". Ci ha chiamato la mamma di Danielino per portarci i ringraziamenti dei genitori di tutti gli altri ragazzi presenti. Una frase su tutte:"Il primo tempo non lo abbiamo nemmeno  visto tanta era la gioia che c'era in noi. Ci abbiamo messo del tempo per riprenderci".
Così una domenica normale è diventata speciale. E' bastata l'idea di Beatrice e un po' di buona volontà. Il patron ha detto sì e questo a noi bastava per partire in quarta. Vittorio Zullo, team manager della società bustocca,  si è fatto in quattro per non deludere le aspettative  e insieme abbiamo portato a casa il risultato. Daniele conobbe la Pro Patria dopo che giocatori e società andarono nella scuola da lui frequentata, ieri ha offerto identica opportunità ai suoi amici.
Si poteva fate di più? Si, certamente. Crediamo che il modello proposto alle scuole Bertacchi avrebbe potuto essere imitato, purtroppo per voler far di più o solamente far da sé si è persa un'occasione, Noi sappiamo di essere un po' rognosetti certe volte, ma queste cose ci vengono bene, sarebbe bastato chiedere. Pazienza, siamo ancora qui, come direbbe Vasco Rossi con melodica armonia.
Condizione indispensabile da noi richiesta è che è i giocatori siano coinvolti. Crediamo infatti che per innamorarsi della maglia occorra averla lì di fronte, vederla indossata dai tigrotti, in modo che i ragazzi ne sentano il profumo e ne avvertano il fascino.
Per cui chiederemo sempre alla società di darci una mano. Poi,facciamo tutto noi, ma per  è importante il commitment societario perché ci teniamo che venga coinvolta come testimonial.
In lista d'attesa ci sono i ragazzi dell'associazione "Pollicino"di Busto Arsizio.

Progetto Pollicino è una casa di accoglienza per minori in difficoltà allontanati dalla famiglia di origine attraverso Decreto del Tribunale dei Minori.
La struttura si pone come finalità – attraverso una permanenza relativamente breve – il farsi carico di una valutazione circa la possibilità di intraprendere un percorso di rientro in famiglia o di affido familiare.
L'altra sera al club è entrato un volontario e con semplicità ci ha detto: "Vorremmo portare allo stadio alcuni dei nostri ragazzi per far passare loro un pomeriggio di gioia,  ci aiutate".
Certo che si è stata la risposta.
Patron Vavassori, Vittorio Zullo, tra un po' arriviamo a chiedervi di darci una mano e siamo certi che anche questa volta ci aprirete la porta
Flavio Vergani

0 commenti: