Header

"Opti Poba è venuto qua che prima mangiava le banane e adesso gioca titolare nella Lazio", questa è stata la dichiarazione del settantenne Carlo Tavecchio, numero uno della Lega dilettanti e candidato a presidente del FIGC nelle prossime elezioni.
Poi, non contento dellla dichiarazione razzista, Tavecchio h aumentato la dose  facendo riferimento al campionato inglese nel quale questi "mangiatori di banane" non avrebbero spazio se non con un comprovato "pedigree".
Pedigree è un termine che equivale ad albero genealogico, usato per indicare l’elenco completo degli ascendenti paterni e materni di un animale, quale risulta da appositi libri genealogici. Praticamente in Inghilterra fanno giocare gli animali, ma solo quelli di razza. In Italia vanno bene anche i meticci.
Ancor più gravi le sue giustificazioni del post dichiarazione quando Tavecchio ha candidamente affermato  di "non ricordarsi di aver usato questi termini". Peccato che lo stesso sia stato inchiodato alle proprie responsabilità dalle registrazioni audio-video. Il solito tentativo maldestro di dare la colpa agli altri, o meglio ai giornalisti che scriverebbero quello che vogliono e non quello che i presidenti dicono.
Un personaggio del genere a nostro avviso non può aspirare a diventare presidente della Federazione italiana gioco calcio .
A Busto in riferimento ai cori razzisti è andata come è andata, adesso qualcuno ci dica se queste dichiarazioni non sono anche loro da "daspo permanente"oppure se occorre chiudere ancora una volta gli occhi e turarsi il naso premiando questo personaggio con la massima carica del calcio italiano. Non non facciamo finta di niente e diciamo forte e chiaro che interventi del genere sono da censurare e chi le pronuncia deve essere inibito da qualsiasi carica di rappresentanza del calcio italiano.
Per chi non ci credesse : clicca e senti le dichiarazioni di Tavecchio
Flavio Vergani

0 commenti: