Header


Busto-Reggio-Modena-Roma, il treno della salvezza
Il solito Frecciarossa dell’ultimo minuto ha un posto prenotato per Italo Federici che avrà nella borsa la fidejussione che garantirà alla Pro Patria la partecipazione al campionato di Prima Divisione. I ben informati dal patron dicono questo, per cui il tutto si sarebbe felicemente risolto nella giornata di ieri. Un film già visto con il solito finale, ossia un punto di penalizzazione ma chissenefrega, iscrizione senza fidejussione effettuata dal vecchio proprietario in attesa dei nuovi, ansie, paure, notti insonni, bordate a destra e a manca, nomi di fantasia dispensati a piene mani, riservatezze più o meno rispettate in base all’interlocutore, al grado di simpatia o di supporting al progetto e alla fine salvezza sul filo di lana con richiesta di standing ovation per i salvatori della Pro Patria.  
Chi siano questi salvatori della Patria a noi non è dato sapere, ma chi ne sa di più dice che dovrebbero essere in due, uno lombardo e l’altro emiliano. Dicono di tale società Games di Stefano Romani con sede a Modena che dovrebbe essere attiva nell’ambito della comunicazione e nell'organizzazione di eventi, che potrebbe essere uno dei due nuovi massimi dirigenti della Pro Patria.
Ne sapremo di più a fine settimana, per ora occorre accontentarsi del lieto finale senza far troppo gli schizzinosi. Certo è che se è vero, come dicono quelli che sanno, che potrebbe esserci un legame stretto con la Reggiana in ambito tecnico con possibile arrivo di allenatore e staff “in esubero” a Reggio per via dell’arrivo dei nostri, o meglio degli ex nostri, ci sarebbe da capire bene che tipo di cessione sia avvenuta e i motivi per cui Pro Patria e Reggiana si siano improvvisamente innamorate e subito sposate. Questione di feeling?

Per ora, the show, anzi the Games, must go on….del resto  facciamo finta di fregarcene.

Flavio Vergani

0 commenti: