Header


Perilli: 6 vuoto
Svolge l’ordinaria amministrazione, ma quel retropassaggio controllato di ginocchio fa tremare lo “Speroni”.
Guglielomotti: 6 pieno
Il suo appoggio in fase offensiva è costante e preciso, in fase difensiva non sbanda
Panizzi: 5 pieno
Subito in difficoltà si fa ammonire senza mai dare l’impressione di essere al posto giusto al momento giusto. Un inizio di stagione complicato per l’unico ex Reggiana in squadra
Botturi: 6 vuoto
Deve crescere e avrebbe bisogno di poter contare su un compagno di reparto esperto. Con Lamorte le cose sono andate meglio, ma occorre insistere
Lamorte: 6,5 
Non tradisce le ottime credenziali che si dicevano sul suo conto. Gioca con sicurezza e tranquillità rendendosi protagonista di una fase difensiva di qualità
Candido:  7 vuoto
Quanto corre, quanto dribbla e quanto è bravo questo campioncino in formato win.zip. Fino alla fine fa diventare pazzi i difensori avversari con danze che partono  con il passo del tango e terminano con il ritmo del twist e del rock and roll.
Cannattaro: 6 pieno
Non è semplice giocare in un centrocampo senza incontristi, ma lui si impegna e rispetto al passato denota miglioramenti in personalità. Stremato per i crampi tiene duro con animo tigrotto.
Giorno: 5,5
Non sembra trovarsi a suo agio nel ruolo o forse non è abituato in un centrocampo lineare, sta di fatto che spesso pecca in virtuosismi e termina la sua partita anzitempo per una espulsione evitabilissima

Serafini: 6 pieno
Segna il rigore e non è cosa così semplice, si sacrifica nel finale come un gregario, lui che a questa età potrebbe farsi portare la colazione a letto dai baby . Contro la sua squadra tentatrice dell’estate non fa sconti e alla fine si convince della sua scelta che è il suo destino: Busto
Terrani: 6,5
Ci crede sul retropassaggio di Moi e determina l’episodio chiave della partita. Con coraggio punta sempre l’uomo con duelli che spesso lo vedono vincitore. A volte pecca in personalismi che prevalgono sul tatticismo, ma è giovane è sarebbe preoccupante se non fosse così intraprendente e innamorato di sé
Oliveira: 7
In campo azzecca tutte le mosse sia a inizio gara sia durante la stessa. Capisce l’aria che tira e mette tre torri a difesa del re prima che sia troppo tardi. In sala stampa saluta con educazione ad uno ad uno i presenti e questo è un gesto di stile.
Ha una dote che nessun’altro allenatore dell’era Vavassori aveva: il sorriso, con il quale sdrammatizza, trasmette fiducia, rasserena l’ambiente, comunica vicinanza.
 
Pubblico: 10 e lode
Nonostante il turno infrasettimanale affolla lo Speroni e non lascia mai mancare un sostegno forte e coinvolgente. I cori della curva sono incessanti, il calore dei distinti va a “vampate”, la tribuna risponde in sincope. Il finale è da brividi, si è risentita la “voce dello Speroni”, quella del fortino inespugnabile che nel passato ha prodotto miracoli. Genoa e Pisa se lo ricordano bene, tanto per fare due nomi.

Federica Lancini (addetta stampa Aurora Pro Patria): 10 e lode
Ha ragione chi dice che è stato il miglior acquisto della stagione. La ragazza è sveglia e non solo e ha rinfrescato l’area comunicazione della società. Con semplicità, ma con qualità, fa il suo lavoro con competenza e passione. Persino colleghi linkati da altre città perseguire la diretta si sono accorti e il messaggio giuntoci diceva: “avete l’ufficio stampa migliore della Lega Pro”. Brava Federica!

0 commenti: