Header

Perilli: 5
Le sue uscite modello "volley" sono sintomo di insicurezza latente, non ineccepibile in occasione del primo goal e di quello annullato. Continua a non trasmettere tranquillità in campo e fuori.

Guglielmotti: 6-
Porta a casa la sufficienza non piena grazie al suo dinamismo anche se ci si aspetterebbe diverso sostegno della manovra offensiva. protagonista di una delle pochissime occasioni da rete bustocca.

Taino: 5,5
Meno brillante che in altre occasioni, continua a non giocare nel suo ruolo e non è certo colpa sua.

 Zaro: 6-
Qualche cosa in più per incoraggiarlo. Non è semplice giocare in questa difesa gruviera soprattutto senza una guida esperta che ti aiuta e ti fa crescere.

Lamorte: 6-
Piace meno rispetto all'esordio, non sempre preciso e attento nonostante la pochezza degli avversari

Anderson: 4,5
Prova disastrosa del centrale bustocco che si fa saltare con identico movimento da parte della punta avversaria per diverse volte. Non trasmette mai sicurezza al reparto, la sua serata termina male in occasione del raddoppio del Real Vicenza.

Romeo: 5+
Impalpabile sia fisicamente che tatticamente cerca di fare quel che può ma non basta per garantirsi la sufficienza.

Ulizio: 4,5
Inesistente in fase di appoggio e poco presente in quella di rottura non garantisce neppure la cattiveria agonistica che dovrebbe essere nel dna di chi ricopre questo ruolo. Ci vuole ben altro spirito per essere un tigrotto.

Cannataro: 5+
Risente a livello fisico della precedente gara così la sua gara è opaca e poco lucida in fase di sostegno. Se ci fossero alternative avrebbe goduto di un turno di riposo, ma i sostituti sono in infermeria per cui...

Serafini: 5,5
Si perde anche lui nella mediocrità generale non trovando la sua serata migliore. L'impegno non manca, ma giocare con un centrocampo che non ti imbecca nemmeno una volta scaricandoti addosso sciabolate nemmeno tanto morbide diventa un calvario.

Terrani 5,5
Il ragazzo ha corsa e tecnica ma deve capire che qui non sono le giovanili. Occorre sposare un concetto tattico diverso, cercare il fraseggio e interpretare il ruolo in modo fantasioso. Puntare ossessivamente l'avversario alla ricerca del quanto son bravo non paga.

Oliveira: 6
Potremmo accusarlo di essersi accontentato del pareggio portando a casa la sconfitta, ma sarebbe esercizio filosofico. Quest' uomo potrà metterci tutta la buona volontà del mondo ma non dispone di un organico di categoria e rischia di bruciarsi alla sua prima esperienza da professionista. Merita un sei politico per la pazienza con la quale sta vivendo la situazione, ma crediamo che la stessa abbia un limite.






0 commenti: