Header



Qual è la ciliegina sulla torta, la mattina successiva a una vittoria dei tigrotti allo Speroni? Incontrare il maestro.

Ginetto Grilli è sulla tua strada, anzi davanti a un buon caffè nel cuore di Sacconago. E tu hai ancora la testa piena di quella voglia di farcela a ogni costo, dimostrata sul campo e sugli spalti.
Quasi quasi, lo dici al Ginetto, ma i tuoi occhi si posano sul suo giubbotto: è quello del Pro Patria club. Lo stemmino delle tigri ti conferma che il maestro ne sa sempre una più di noi e devi raccontargli che sì, questi giocatori sono giovani, inesperti, messi insieme all’ultimo. Ma sono stati capaci di appassionarci e quella vittoria contro l’Albinoleffe ci carica per loro, prima che per noi stessi.
Generosità alla bustocca, che non provoca tanto rumore, perché corre così veloce, prima ancora che tu abbia espresso il desiderio.

Tutte queste cose vorrei dire al maestro, ma non ce n’è bisogno, perché non importa se venga allo stadio o no: lui la Pro ce l’ha nel sangue, con quella fedeltà sinaghina che resiste oltre ogni ostacolo. 
Allora gli chiedo un incoraggiamento ai tigrotti e lui ci medita pochi secondi. 
Tal chi: Assale la Tigre e del Vicenza Real
Ga resta non… nanca i bal

Forza ragazzi

Marilena Lualdi
(Giornalista de "La Provincia")

0 commenti: