Header

Uno studio di architettura di Milano ha deciso di non attendere oltre per ricevere i pagamenti(100mila euro) da parte del Monza per lavori svolti nell'ambito della ristrutturazione del Brianteo e di Monzello e da oggi l'incubo fallimento aleggia sulla società del presidente Amstrong e del direttore sportivo Ulizio(che ha già vissuto un fallimento a Montichiari e una amara retrocessione con il Bellaria).
Il debito del Monza è elevatissimo per cui il presidente dovrà decidere se mettere mano al portafoglio o lasciare andare il Monza incontro al suo triste destino. Per intenderci, la cifra di debito maturato dalla società brianzola è di circa 2 milioni di euro. Secondo il portale mbnews.it " il “patron” del Monza, residente nel Principato di Monaco non è un bel periodo. Secondo molte testate internazionali, infatti, non avrebbe restituito nei termini (e maggiorati di interessi al 20%) circa 70 milioni di dollari rastrellati un anno e mezzo fa a un migliaio di investitori di Singapore per progetti edilizi in Brasile, nazione dove ha fatto fortuna e dove ha messo su famiglia. La MAS, l’autorità monetaria di Singapore, ha inserito la sua multinazionale, EcoHouse Group, nella “alert list”, cioè nella lista di società di cui è meglio non fidarsi. Inoltre lo scorso 22 settembre è stato destituito da presidente dell’Alecrim, società di calcio brasiliana di quinta serie, dal resto del Consiglio Direttivo. Secondo il nuovo numero 1 del terzo club di Natal, l’Alecrim avrebbe un debito di 300mila real (circa 100mila euro), ma sotto la guida dell’imprenditore inglese era arrivato ad averne anche 1 milione (differenza comunque in gran parte ripianata da “AAE".
Flavio Vergani


0 commenti: