Header


Amo Reggio Emilia
  • perché la incontro, adagiata nei campi, lungo la mia strada verso il mare;
  • per il suo inconfondibile odore di campo ……… e non da gioco;
  • perché al Giglio si lega uno dei miei ricordi più belli;
  • perché adoro il maiale, anche se mal sopporto iene e gazze ladre;
  • perché ogni volta che qualcuno, da là, ci prende in giro per la situazione in cui proprio loro ci hanno precipitati, mi sento più forte ed orgoglioso dei miei colori;
  • perché, non potendoci battere sul campo, ha pensato bene di “soffiarci” la squadra una sera d’estate in cui a Busto ci si era un po’ distratti;
  • perché comunque ha un pubblico appassionato quanto il nostro e non è certo responsabile dei “giochetti anomali” che ci hanno visti coinvolti nostro malgrado;
  • perché ci ha regalato il nostro nuovo “Presidente presidente per un giorno”, divenuto tale quasi “a sua insaputa” e poi scomparso dai radar subito dopo;
  • perché, malgrado tutto, con le sue eccedenze di magazzino ha contribuito ad alleviare la nostra agonia;
  • perché, proseguendo nell’opera di rastrellamento degli ex biancobluù, potrebbe fra poco schierare Frara, Bardelli e qualche altra vecchia gloria per la gioia dei nostri occhi;
  • perché, come noi, non ama questo calcio, questi presidenti e chi gestisce il sistema come una sua proprietà privata;
  • perché pare abbia intenzione di accogliere a fine stagione, concedendo loro la cittadinanza onoraria, qualche tifoso o commentatore ormai troppo legati sentimentalmente al nostro ex Patron patron per non seguirlo nella sua nuova avventura;
  • perché, dopo numerosi tentativi abortiti, sembra averci “prestato” un tecnico vero;
  • perché è così bella rispetto a questa orrenda città piena di persone cattivissime ed ingrate;
  • perché i suoi tifosi più sani comprendono il nostro tormento ed esprimono la loro solidarietà in rete, probabilmente toccandosi per scaramanzia nel timore che il prossimo futuro possa riservare loro un identico trattamento.
Amo Reggio Emilia per tutti questi motivi, ma soprattutto perché potrebbe liberarci definitivamente , con annessi e connessi, dal Vavassori di quest’ultimo anno, , con annessi e connessi, un Presidente presidente che tifa per un’altra squadra e sogna da tempo di andarsene.
Noi non possiamo che augurargli di realizzare il suo sogno e con lui vorremmo, anche grazie a Reggio Emilia, scrollarci di dosso questa situazione imbarazzante e sofferta per tornare finalmente a seguire la Pro Patria senza quel senso di abbandono e frustrazione che ha caratterizzato l’ultimo periodo.
Auguri Reggio Emilia, ora tocca a te.
Marco Grecchi

0 commenti: