Header

Lega Pro, il pagellone di TLP sul mercato nel Girone A


 Di Nicolò SCHIRA TuttoLegaPro.com


Il mercato è andato in archivio ed è tempo di valutazioni per coloro che hanno operato nelle varie trattative, piazzando colpi o vedendo svanire sul filo di lana operazioni già impostate. Alla stregua di un pagellone scolastico abbiamo messo in fila i dirigenti del campionato della terza serie, stilando le nostre valutazioni. A scuola finisce il primo quadrimestre e molti studenti vengono rimandati in alcune materie, sperando di ribaltare il primo verdetto entro la fine dell'anno. Sui banchi di scuola abbiamo messo le formazioni del Girone A di Lega Pro. C'è chi può vantare giudizi d'encomio, altri che si arrabattano per strappare la sufficienza e taluni rimandati a fine campionato, il tutto in attesa del verdetto indiscutibile del campo...

ALBINOLEFFE (Ds Valoti): rinforzi adeguati quali Silva Reis e Spinelli per aggiungere esperienza e qualità alla truppa di Mangone. La Celeste ha ingaggiato anche un giovane di belle speranze come Pacifico, mantenendo in terra bergamasca i propri calciatori di maggior spicco. La salvezza può diventare realtà a giugno. VOTO 6

ALESSANDRIA (Ds Magalini): blinda la difesa con un califfo di esperienza internazionale come Morero e davanti aggiunge ad un poker già forte il duo Iunco-Germinale. E pensare che potevano arrivare anche Mazzeo ed Arrighini. Magalini sul mercato si conferma abile e preparato. Fosse riuscito a cedere anche Guazzo dopo i dissidi delle scorse settimane, ingaggiando al suo posto un centrocampista sarebbe stata una sessione perfetta. VOTO 8

AREZZO (Ds Ciardullo): la rosa amaranto è stata arricchita con calciatori abili e pronti all'uso come Testardi, Franchino, Guidi, Crescenzi e Sabatino. Tutti rinforzi che dovrebbero garantire una salvezza in carrozza alla squadra di Capuano. Occhio al talentino francese, ex Psg, Yaisen, mandato da Corvino a farsi le ossa in Toscana: dovesse esplodere, le mire di classifica potrebbero cambiare... VOTO 6,5

BASSANO VIRTUS (Ds Seeber): sessione decisamente insufficiente per una delle principali candidate alla promozione. Servivano un paio di innesti per rendere la rosa più ampia e competitiva ed invece sono arrivati due baldi giovani, che non giocavano neppure con continuità assoluta, a Savona come Spadafora e Casarini. Le risorse economiche non mancano e in Primavera c'è il rischio di pentirsene... VOTO 5

COMO (Ds Dolci): un poker di acquisti per certificare l'ambizione di centrare i Playoff. Affascinante la scommessa Cassetti, ma il vero colpo per la fascia si chiama Marconi. Berardocco in mezzo al campo è una certezza per la categoria e Maritato può replicare quanto di buono fatto vedere l'anno scorso a Bolzano. VOTO 7

CREMONESE (Ds Giammarioli): era lecito attendersi di più dalla compagine grigiorossa, ma evidentemente nella stessa dirigenza c'è rassegnazione per un'annata che al massimo potrà essere rubricata alla voce transizione. Per questo motivo sono arrivati elementi di completamento quali Campagna, Finazzi e Briganti. Nessun elemento in grado di infiammare la tifoseria e ribaltare il volto di una stagione deludente... VOTO 5

FERALPISALO' (Ds Olli): trattiene tutti i gioielli, nonostante le richieste giunte e aggiunge un tassello prezioso al centrocampo come Antonio Palma. I presupposti per restare in alto ci sono tutti. Davanti poi la scommessa Galuppini appare già vinta come testimonia la doppietta al debutto. VOTO 6,5

GIANA ERMINIO (Dg Colombo): quello che non era stato fatto in estate, viene svolto a gennaio. La matricola lombarda sfrutta l'opportunità del mercato di riparazione per completare la rosa con un poker di alto livello. Paleari è già protagonista e il duo Polenghi-Sinigaglia assicura quella dose di esperienza che mancava in difesa e davanti. Se Gasbarroni torna il fenomeno visto a Monza, ci sono i presupposti per un girone di ritorno entusiasmante... VOTO 7,5

LUMEZZANE (Ds Margotto): tante operazioni sia in entrata che in uscita per i valgobbini, che non riescono però a piazzare il botto in attacco. Sfumano infatti gli obiettivi Guidone (Santarcangelo) e Del Sante (Vigor Lamezia), a causa dei rifiuti delle società di appartenenza. Il solo Sarao rischia di essere troppo poco per una salvezza diretta. VOTO 6

MANTOVA (Ds Pelliccioni): da mesi i virgiliani erano a caccia di una punta, ma alla fine devono "accontentarsi" di due giovani di belle speranze come Beleck e Gyasi, ovvero altri giovani da plasmare per mister Juric. Era lecito attendersi qualcosa in più per avere la certezza di agguantare la permanenza in categoria senza patemi d'animo... VOTO 5,5

MONZA (Ds Califano-Dt Pasini-Consulente Di Stanislao): fra addii e nuovi acquisti quasi una quarantina di operazioni condotte. Una mole di lavoro incredibile e che potrà dare i suoi frutti solo fra qualche settimana. Difficile ora giudicare un organico totalmente rivoluzionato. L'unico superstite è il portiere Chimini più i giovani della Berretti. C'è curiosità per alcuni elementi a caccia di riscatto come Torri, Pugliese, Martinez e De Lucia che non vengono da stagioni esaltanti, ma il cui potenziale è indiscutibile. VOTO 6

NOVARA (Ds Teti): la rosa è da Serie B, eppure la dirigenza piemontese non ha lesinato gli sforzi per rinforzarsi adeguatamente. La promozione non dev'essere fallita e per questo motivo sono arrivati Gavazzi e Foglio, ovvero due calciatori di garanzia per la categoria. Davanti Della Rocca è un lusso per un reparto già da urlo. VOTO 7

PAVIA (Dg Londrosi): i botti erano arrivati a luglio, pertanto a gennaio i lombardi si sono limitati ad un'opera di rifinitura. In tal senso si spiegano gli innesti di Marchi, Dejori e Fiory a rendere più vasto e profondo l'organico di Maspero. Marino è il puntello che serviva in difesa, dove sarebbe potuto arrivare un altro elemento di spessore se Sabato non avesse rifiutato tutte le offerte ricevute... VOTO 7

PORDENONE (Ds Pinzin): parecchie operazioni condotte per riassestare una squadra che solo un bimestre fa appariva in caduta libera. Missione compiuta e Ramarri di nuovo in corsa per la salvezza: Bjelanovic, Ferrani, Gatto, Ravasi e Panzeri aumentano la competitività della truppa di Rossitto. VOTO 6,5

PRO PATRIA (mister X): non è dato sapere chi abbia realmente condotto il mercato bustocco fra iniziali consulenti esterni poi esautorati, diesse sotto contratto ma depotenziati, patron uscenti e presidenti freschi di zecca. Il volto della squadra non è mutato e l'organico appare poco competitivo in chiave salvezza. L'unica certezza sono le numerose operazioni condotte sull'asse Busto Arsizio-Reggio Emilia... VOTO 4,5
REAL VICENZA (Presidente Diquigiovanni-Ds Consolaro): cedono Galuppini che va a fare sfracelli a Salò (doppietta all'esordio) per puntare su Margiotta: sinora l'attacco rimane Bruno-dipendente. La decisione di esonerare Marcolini nel mese di gennaio ha rallentato le manovre di un mercato non all'altezza per puntare ai Playoff. VOTO 5

RENATE (Ds Abbate): nessun stravolgimento e piccoli puntelli per rimpinguare un organico che ha perso solo Gavazzi fra i titolari. Radrezza può rappresentare l'arma in più nel reparto offensivo. VOTO 6

SUDTIROL (Ds Piazzi): azzeccatissimo l'ingaggio di Novotny (già autore di quattro gol) che insieme a Zullo e Peverelli rende più profondo l'organico di mister Sormani. I Playoff possono diventare, anche quest'anno, alla portata degli altoatesini. VOTO 7

TORRES (Presidente Capitani): tante le operazioni condotte nelle finestra invernale per potenziare l'organico. I risultati stanno premiando gli isolani e i nuovi acquisti quali Barbuti, Petermann, Buonaiuto e Cerone sono già stati protagonisti del filotto di risultati positivi delle ultime settimane. VOTO 6,5

VENEZIA (Ds De Franceschi): organico completato con elementi di affidabilità per la categoria come Capogrosso, Peccarisi e Guerra. I lagunari non hanno stravolto la rosa, pur perdendo un paio di elementi importanti. Ci sono tutti i presupposti per continuare a vivere un campionato da outsider. VOTO 6 

FONTE: WWW.TUTTOLEGAPRO.COM

0 commenti: