Header

Inutile dire che questa squadra ha limiti tecnici che non possono magicamente essere cancellati. L'ultimo posto è figlio di questi limiti. Ma, a nostro avviso, qualcosa in più si potrebbe dare in termini di grinta. Oggi diamo un voto anche allo spirito tigrotto, giusto per essere chiari e dire da chi ci si aspetta di più. Molto di più.

Melillo: 6,5
Anche oggi il nostro portiere si fa trovare pronto quando serve, soprattutto nel primo tempo in occasione del doppio salvataggio organizzato con l'aiuto di Pisani.
Spirito tigrotto: 8
Era partito male e la diffidenza nei suoi confronti per aver frequentato in precedenza squadre riconducibili al governo ombra era alta. Tenacemente, da vero tigrotto, si è messo a lavorare chiudendo la bocca a tutti.

Botturi: 5,5
Non è il suo ruolo e si vede, incide poco in fase offensiva e spesso balla quando puntato. Inesistente la fase di rilancio dell'azione sempre affidata a improbabili lanci lunghi.
Spirito tigrotto: 6
Dopo le umiliazioni subite dal governo ombra  ha saputo tenere duro e riconquistarsi un posto in squadra.

Taino: 5,5
Centra la sua undicesima ammonizione che lo terrà ai box con la Cremonese, questo a dimostrazione che anche oggi ha sofferto le pene dell'inferno. A differenza di Botturi, appoggia con coraggio la fase offensiva macinando chilometri, ma siccome non ha le ali, poi paga lo slancio in fase di copertura.
Spirito tigrotto: 10
Crediamo che molti debbano prendere esempio dal"barba" che senza paura dell'avversario e sprezzante persino dei suoi difetti, getta sul terreno di gioco ogni goccia di sudore, senza paura. Questo vorremmo vedere da molti altri, niente di più e niente di meno. Chiediamo troppo?

Pisani: 6,5
Solita prestazione gagliarda del centrale bustocco che si improvvisa addirittura portiere con esiti positivi.
Spirito tigrotto: 10
Tornato a Busto per salvare la sua Pro Patria dopo lo sgarro di Pro Patria Padova, gli si legge negli occhi la selvaggia voglia di vincere la sfida. Un guerriero senza paura.

Lamorte: 6
A volte sembra che faccia il compitino e forse è quello che fa, ma visti i personaggi in cerca d'autore passati per quel ruolo ce lo facciamo andare bene.
Spirito tigrotto: 6,5
Quante ne ha dovute subire questo ragazzo sbattuto in panchina da allenatori fenomeno che lo ritenevano peggiore di Gerolino e Anderson? Ha tenuto duro e adesso i fenomeni sono a casa, lui gioca.

Arati: 4,5
Partita da dimenticare per il centrocampista bustocco che ne ha combinate di tutti i colori. Anzi, non ha combinato proprio niente. Una comparsa per 90 minuti.
Spirito tigrotto: 4
Timido con gli avversari e con se stesso, non morde, non si prende responsabilità, sembra costantemente al primo giorno di scuola.

Giorno: 4,5
Occorre decidersi su che cosa di vuole fare da grande? Il giocatore di calcio? Bene, allora serve cambiare approccio. Non è possibile non mettersi in mostra mai una volta in novanta minuti di gioco.
Non un assist, non un intervento di copertura degno di nota, non un dribbling vincente. Si ricorda di lui solo una montagna di palloni sbagliati, o persi malamente. Sveglia!
Spirito tigrotto: 4,5
Beato ragazzo, sei nato a Busto, ha i tifosi che ti adorano e molto ti hanno perdonato, cosa aspetti a ricambiarli con qualcosa di indimenticabile? Non si può eternamente pretendere gratitudine se non si dimostra mai riconoscenza. Come? Sputando sangue in campo.

Palumbo: 5,5
Fuori condizione fa quello che può. Bello un suo disimpegno difensivo con elegante palombella all'avversario e successivo ricontrollo di palla da campione. Si spegne alla distanza e si incazza quando va in panchina. E questo è un bel segno che lo premierà nella successiva valutazione.
Spirito tigrotto: 6,5
Non lo conosciamo molto, ma il fatto di mostrare disappunto per la sostituzione è un segnale di vita del centrocampista ex Reggiana che fa ben sperare.

Candido: 5,5
Continua il momento di crisi del ragazzo che ha perso brillantezza rispetto a qualche mese fa. Le doti tecniche le ha e si vede che fa di tutto per dribblare lo stato di crisetta che lo ha colpito.
Spirito tigrotto: 9
Questo non molla mai, da inizio campionato si è ben capito che il ragazzo ha il dna del tigrotto. Ha sempre lottato senza risparmiarsi e anche oggi, seppur con meno risultati, non si è tirato indietro.

Terrani: 5,5
Rispetto al passato un passo indietro per la giovane punta apparsa fin da subito abbastanza appannata
Spirito tigrotto: 6,5
Non molla mai, anche dopo aver perso il posto in squadra per l'arrivo di D'Errico e Baclet, ha lavorato con determinazione ritrovando la maglia da titolare.

Serafini: 7
Buona prestazione del capitano che ha saputo rimanere freddo nel calciare un rigore che se sbagliato lo avrebbe fatto precipitare in un incubo. Nel finale di partita accorcia la squadra con un lavoro di raccordo da manuale.
Spirito tigrotto: 10
Quante ne ha passate a Busto questo ragazzo? Eppure, eccolo in doppia cifra anche quest'anno. Chapeau! Questi sono i fatti, Poi ci sono le interpretazioni di quello che per taluni dovrebbe essere e non è: trascinatore, motivatore, leader dai toni e dai modi bruschi. Lui non è come altri, altri non sono come lui. Ognuno è diverso che piaccia o no.
 La curva ultimamente lo becca perché lo ritiene troppo "vavassoriano" e questo crediamo sia l'unica cosa che lo fa tremendamente soffrire. Per il resto darebbe tutto se stesso per la salvezza per lasciare questa maglia nella stessa categoria di quando arrivò.

Mister Montanari: 5

Lasciare in panchina Bovi con il centrocampo di oggi non ci ha molto convinti. Come non ci ha per niente convinti non aver sostituito Terrani che appariva molto provato. Se in panchina abbiamo dei nazionali di categoria, facciamoli giocare. Da capire la sorte di D'Errico. Se out per motivi disciplinari ok, diversamente rinunciare a lui perché incapaci di gestirlo è un suicidio tattico.

0 commenti: