Header


Giornata record per il nostro blog che ieri ha avuto un numero di contatti davvero sorprendente. Ringraziamo ad uno ad uno tutti i nostri affezionati lettori che ormai da sei anni  ci seguono con passione e fedeltà.
Siamo orgogliosi dei risultati ottenuti e giornalmente cerchiamo di migliorarci per cercare la massima qualità della nostra informazione.
In particolare, siamo consapevoli di dover migliorare sotto molti punti di vista, soprattutto a riguardo dell’ attendibilità delle notizie, per evitare quanto è successo nel recente passato.
Chi non ricorda l’imbarcata che ci siamo presi quando, ritenendo attendibile la fonte informativa, abbiamo annunciando la vendita della Pro Patria ad una merchant bank svizzera, poi rivelatasi una bufala? Oppure, quando abbiamo riportato una lettera di addio della dirigenza, ripresa da una fonte che ci sembrava ufficiale, poi rivelatasi perlomeno affrettata? O quando in una sede che ritenevamo affidabile, abbiamo sentito che non era richiesta la fidejussione per acquistare la Pro Patria, mentre ora si dice che è nuovamente indispensabile?
Infine, che dire di quando per ben nove giorni non ci siamo accorti che era stata pubblicata sul un sito che credevamo attendibile la modalità per il rimborso del biglietto di Pro Patria Milan, vedendola solo a poche ore dalla sua scadenza? Per fortuna poi ci hanno detto che quella fu una magia di Mago Zurlì e non solo una nostra permanente miopia.
Per cui, dopo queste quattro imbarcate ci siamo resi conto di aver necessità di prendere lezioni per discernere le fonti ufficiali e attendibili da quelle ufficiali ma inattendibili o da quelle del tutto inaffidabili. Ma,ovviamente, non prendiamo lezioni  da insegnanti che del nostro problema ne sono stati la causa e non la soluzione. Ora, abbiamo imparato la lezione e siamo molto attenti prima di pubblicare qualsiasi comunicato, diffidando soprattutto da quelli senza firma, anche se classificati con la parola “ufficiale” nell’oggetto.
 Era stato così anche le altre volte, ma non era bastato per esentarci dalle brutte figure.

Il tutto con l'obiettivo di non incidere con le nostre inattendibilità spesso figlie dell'ufficialità, sulla situazione che vede la Pro Patria occupare un umiliante ultimo posto.
Intanto, noi continuiamo ad essere creativi come sempre, perché per noi la parola creatività fa rima con serietà, verità e soprattutto con libertà.
Per cui, nessun problema a metterci  sempre e comunque la firma e la faccia.

Flavio Vergani

0 commenti: