Header

Il fallimento dell’Ac Monza Brianza 1912, annunciato dal Tribunale di Monza nella giornata di mercoledì, apre sostanzialmente a due scenari possibili: permanenza in Lega Pro o ripartenza dai Dilettanti. In entrambi i casi, la lotta contro il tempo è parola d’ordine.
PERMANENZA IN LEGA PRO - E’ la strada, per intendersi, percorsa nella passata estate dal Football Club Bari 1908 di Gianluca Paparesta. La data da fissarsi sull’agenda è il 26 giugno. L’articolo 52 delle Norme Organizzative Interne della Figc (comma 3) prevede, per i campionati professionistici, che un titolo sportivo di una società cui venga revocata l’affiliazione (nel caso del Monza, per insolvenza, articolo 16 delle stesse Noif) possa essere attribuito ad altra società, con sede sempre a Monza. Entro il 26 giugno, dunque, un legale rappresentante del nuovo sodalizio dovrebbe far pervenire a Roma le carte di acquisizione e, soprattutto, di presa in carico di tutta la situazione debitoria. In quel caso, il successivo 30 giugno il nuovo Monza potrebbe presentare regolare domanda d’iscrizione alla LegaPro e mantenersi così nel calcio professionistico. In concreto, nelle prossime settimane una nuova proprietà, attratta dal mantenimento del professionismo, dovrebbe acquisire il Monza facendo fronte a tutta la situazione debitoria. Difficile, certo, ma non impossibile.
RIPARTENZA DAI DILETTANTI - Di fatto, la strada più percorribile al momento, come insegnano i recenti casi di Siena e Padova. In caso di non ammissione ai campionati professionistici infatti, la Federazione può consentire alla città della società non ammessa (articolo 52 delle Noif, comma 10) di partecipare con una nuova realtà ad un campionato della Lnd. In concreto, i debiti non sarebbero più a carico della nuova proprietà, che dovrebbe solamente limitarsi a sostenere le normali procedure di iscrizione. Per il campionato di serie D (nazionale) si dovrà versare anche un contributo alla Federazione non inferiore ai 300.000 euro, che scende a 100.000 per l’Eccellenza (regionale)

fonte: www.tuttolegapro.com

0 commenti: