Header

Dopo Zangari , non ha perso tempo il duo Ragazzoni- Tiburzi che nemmeno ha atteso le dichiarazioni della capocordata Patrizia Testa sul presunto disimpegno per l'acquisizione della Pro Patria e hanno imboccato frettolosamente l'autostrada per Varese per salvare i biancorossi da un ingloriosa fine.
Che dire, in genere i componenti delle cordate, se in difficoltà, si aiutano a vicenda fino al campo base, qui invece si è persino lasciata sola una donna nei pressi della cima senza nemmeno accompagnarla alla tenda.
Suvvia non è molto carino, un po' di cavalleria non guasterebbe.
Beh certamente lei a Varese non verrebbe mai, al cuor non si comanda, a tutto il resto si...
In bocca al lupo.
Flavio Vergani

FONTE: VARESENEWS.IT

È durato circa mezzora l’incontro di questo pomeriggio in comune con i possibili nuovi soci fondatori del Varese Calcio che sarà.
Il sindaco Attilio Fontana ha parlato con due nuovi interlocutori, che hanno contattato Silvio Papini nella mattinata di mercoledì 29 luglio e hanno chiesto informazioni. Si tratta di Nazareno Tiburzi e Stefano Ragazzoni, il primo commercialista di Legnano, l’altro uomo di calcio con esperienze a Tortona, Santhià e Voghera con vari ruoli; assieme a loro l’allenatore Alessandro Oliva.

Dopo l’incontro, il sindaco Attilio Fontana ha concesso loro tempo fino a domani alle ore 12, quando dovranno presentare il progetto definitivo e soprattutto i soldi per l’iscrizione e l’inizio attività.
Silvio Papini spera, come tutti, che quest’ultimo tentativo possa andare a buon fine: «Ora sono tornati a casa, si confronteranno e domani si dovrebbero presentare con l’offerta pronta. Loro qualche soldo ce l’hanno da parte, magari con la sinergia dei vari imprenditori che hanno confermato l’apporto (Orrigoni, Maccecchini, Fontana e Milanese, ndr), speriamo di concludere questa vicenda. L’importante è esserci, sarebbe triste sparisse il calcio a Varese».
La situazione sta diventando molto più complessa di quanto si potesse attendere nella serata di martedì. Paolo Sudanti non ha più dato risposte, i due imprenditori varesini interpellati hanno declinato l’offerta, e l’unica possibilità all’orizzonte sembra essere quella svelata in questo pomeriggio.
I due soci, tra l’altro, si sono interessati al Varese dopo che la trattativa con la Pro Patria non è andata a buon fine, ma in questo caso mancheranno i soldi che a Busto Arsizio avrebbe garantito Patrizia Testa, che però in questo affare, per ora, non è stata inserita.

0 commenti: