Header

Qualche sguardo si colora di incredulità. Lo vediamo bene, dagli spalti. Abbiamo perso cinque a zero e stiamo applaudendo: i tigrotti di recente elezione non riescono a nascondere la meraviglia, mentre ascoltano il coro "Pro Patria" e lo scrosciare delle mani.
Volevamo dirvelo in tanti modi, ma riusciamo solo così: benvenuti a Busto Arsizio. Non sappiamo cosa abbiate sentito su di noi, ma questo è il nostro biglietto da visita, e lo teniamo bene in evidenza.
L'applauso, attenzione, non è scattato solo perché temevamo di non esserci nemmeno più. Certo, questo sentimento di sollievo esiste, eppure non è la ragione più forte per questo nostro affetto È dovuto al buonsenso, in parte: nessuno di noi si aspettava un'impresa, visto che la squadra è appena nata e non può che camminare malferma nel suo insieme. Abbiamo preso cinque reti, e pure da una squadra con cui abbiamo un conto in sospeso, ma pazienza.
Eppure non basta.
Noi valiamo cinque, dieci volte di più. E voi potete valerlo. Lasciate cadere il nervosismo e la preoccupazione: siate quello che abbiamo visto nei minuti iniziali, e soprattutto siate voi stessi. Tigri non di passaggio o per caso, ma di mentalità.
Noi siamo pronti a starvi vicini, in ogni sorte, come ci ha chiesto Patrizia Testa, se darete tutto come noi a voi? E nel chiudere questa prima partita, ringrazio ancora una volta lei, Patrizia, perché ha già dimostrato cosa significhi essere una leader tigrotto. Decidere, ma anche ascoltare, e gridare di orgoglio.
Ringrazio anche un'altra tigre. Matteo Serafini. Quando il risultato si materializza e riprendo il cellulare, vedo un suo messaggio e questa volta lo svelo, certo che sarà d'accordo:  oggi è un bel giorno per ricominciare a volersi bene, forza biancoblù, forza Pro. Matteo sta facendo splendidamente, altrove, ma sappiamo perché  è partito. Il suo cuore no, non se n'è andato, perché un vero capitano tigrotto non lascia mai la sua gente... Specialmente questa gente.
Oh sì, vi vogliamo bene. Cinque volte di più.

Marilena Lualdi
Giornalista de La Provincia

0 commenti: