Header

Gentile Società,
scriviamo spinti dall’amarezza e dalla convinzione che essere nel giusto, nel calcio, come spesso nella vita, non paga. Leggiamo perplessi la notizia (http://www.laprovinciadivarese.it/stories/Sport/giustizia-e-fatta-addio-pro-patria-adesso-vediamo-chi-ti-ama-davvero_1138353_11/) secondo cui il presidente della Pro Patria non avrebbe nessuna intenzione di iscriversi al campionato di Lega Pro. 
In questa intervista il Presidente Vavassori afferma e sostiene che sia stato ripristinato l’ordine delle cose. Secondo costui la Torres meriterebbe la D mentre la Pro Patria, (http://www.varesenews.it/2015/05/pro-patria-una-societa-in-balia-del-virus-calcioscommesse/373220/ ), avrebbe avuto giustizia (!!!). 
Questa è giustizia? 
A questo punto il dubbio si fa sospetto. Chi ha voluto questo ricorso e perchè? A che fine? 
Per noi è tutto abbastanza chiaro. Basta andare a rileggersi qualche vecchio articolo riferito alle infuocate riunioni di Lega Pro di qualche mese fa per capire che dietro a tutto questo ci sia ben altro che una normale querelle tra due squadre in lotta per un posto tra i professionisti. Per noi c’è molto di più, un boccone avvelenato che qualcuno ha confezionato ai nostri danni e ai danni di questa Società. Noi salutiamo gli amici tifosi bustocchi, vittime anche loro, in questo caso non della giustizia sportiva ma dei loro stessi tesserati.

0 commenti: