Header


Avevamo scritto che la Pro Patria aveva la possibilità di vincere a Bassano, magari non sul campo, ma nell’approccio e nell’interpretazione alla gara. Bastava poco, resistere ancora 8 minuti e sarebbe potuto arrivare il primo punto in classifica, contro ogni pronostico. Se si tiene conto che mancavano tantissimi titolari, che Ferri era all’esordio senza avere ancora il ritmo partita, ci si può rallegrare dopo questa prestazione. Dalle goleade delle scorse partite con risultato acquisito per le avversarie dopo meno di un’ora di gioco, a una sconfitta di misura sul campo di Bassano. Sempre sconfitta resta diranno i critici doc e in effetti il discorso non fa una piega. Ma, occorre ripartire dalle piccole cose per giungere alle grandi cose e crediamo che il segnale arrivato oggi da Bassano sia del tutto positivo. Mister Pala erige una linea di difesa con tre centraloni come Ferri, Marchiori e Pisani, mette Coppola a soffiare sul collo di Iacolano e ispira La Gorga che tra i pali fa il fenomeno. Insomma, il mister ha già capito tutto. La politica dei piccoli passi per salvarsi all’ultimo secondo del play out, o prima. Comunque sia sarà come vincere la Champion League. Out per la Pro Patria: Zaro, Bigazzi, Sampietro, Degeri, Montini, Jiday, con Ferri all’esordio e Carcuro ancora non pronto. Crediamo che quando ci saranno tutti o quasi la storia possa cambiare. Se lo meritano i ragazzi, i tifosi e la società. Non potrà andare sempre male. Ora, tutti concentrati per la gara di domenica prossima ( 17,30) con la Pro Piacenza. Si terminerà alle 19, 15 in piena happy hour. Ragazzi, regaliamoci questa aperitivo! Forza Pro Patria
Flavio Vergani

0 commenti: