Header

Ad un "Momentè"dalla prima vittoria esterna stagionale che sfuma a qualche istante dalla fine quando il Mantova con il centravanti ex Varese trova il goal del pareggio dopo che la Pro Patria si era portata in vantaggio con un colpo da biliardo di Capua. Goal subito dal giovane Demajla entrato al posto di La Gorga uscito in barella dopo un colpo alla testa rimediato sempre con l'indiavolato Momentè. Insomma, quasi un destino che la gara dovesse finire così.
Un pari alla vigilia della gara era considerato tanta roba, ma vista la gara sono molti i rimpianti visto che il Mantova ha fatto davvero poco per vincere la partita. Anche vero che la Pro Patria ha fatto ancora meno visto l'atteggiamento tattico di mister Pala improntato al primo non prenderle. Certo è che l'occasione era ghiotta e avrebbe potuto regalare ai tifosi bustocchi un Natale come non si sarebbero aspettati. Il goal di Capua fa seguito a quello del turno precedente di D'Alessandro a testimoniare che i nuovi arrivi in casa Pro Patria sono di qualità e questo è indubbiamente un segnale molto positivo.
In attesa degli attaccanti sono stati i due nuovi tigrotti ad inventarsi goleador portato a casa quatto punti su sei disponibili e una manciata di rimpianti.
Si chiude questo anno davvero da dimenticare per le vicende del calcioscommesse e della telenovela vavassoriana che ha fatto disamorare la piazza verso questi colori. La rinascita è davvero complicata e le conseguenze di quanto accaduto sono ben evidenti nel presente. Bello è vedere che in campo e fuori si lotta senza risparmiarsi per poter tenere la testa fuori dall'acqua. Un comportamento da tigrotti che merita tutto il sostegno della piazza che mai come in questo periodo si sente parte coinvolta e coesa con la società per poter dare il proprio contributo per quello che sarebbe una vera e propria impresa :la salvezza.
Ci aspetta un 2016 di grande sofferenza e sacrificio, ma nessuno a Busto è rassegnato al peggio, anzi, non si vede l'ora di ricominciare per dimostrare una volta di più quanto siano inossidabili i tigrotti.
Flavio Vergani

0 commenti: