Header


Può capitare a tutti di sbagliare qualche nome o essere imprecisi su qualche fatto mentre si scrive un articolo o si commenta una partita. Nessuno è perfetto. Ma, quando gli errori diventano una consuetudine allora si manca di rispetto verso chi legge o guarda e si cade nel pressapochismo, sinonimo di scarsa qualità. Quanto succede ormai da tempo durante le telecronache delle gare della Pro Patria in diretta su “Sport Tube” sta diventando inaccettabile. La diretta della gara con la Feralpi Salò ha fatto registrare una serie di errori impressionanti. Uno dei quali ha tratto in inganno anche il nosto Simone Merlotti. Infatti, il cronista ha chiamato per ben 90 minuti “Caglioni”il portiere della Feralpi che appariva così diverso da come lo abbiamo conosciuto a Busto. Addirittura calvo e con struttura fisica completamente modificata. Ha ragione l’amico Marco Mariani ad indignarsi, ma si dava per scontato che chi è allo stadio e dispone delle distinte ufficiali con le formazioni dovrebbe sapere quel che dice. Non era Caglioni, era Bavena. Altro errore clamoroso ripetuto per diverse volte durante la telecronaca è stato il riferimento alla chiusura del mercato data per domenica 31 gennaio alle ore 19. Un errore clamoroso visto che il mercato si chiuderà oggi alle 23,00! Che dire poi a riguardo di come vengono definiti i tigrotti che ormai da diverse gare sono chiamati “biancozzurri” e non “biancoblù. Non finisce qui, altro errore ripetuto continuamente riguarda la data del prossimo match con l’AlbinoLeffe che per il disattento cronista è prevista per domenica prossima, quando invece si giocherà sabato alle 17,30. Infine, il continuo scambio di giocatori con attribuzione casuale dei nomi con particolare difficoltà a identificare Santana, spesso scambiato con Vettraino, o Possenti con D’Alessandro. Forse, un minimo di attenzione in più non guasterebbe.  
Flavio Vergani

0 commenti: