Header


La Pro Patria è rimasta come quella casa in costruzione che tutti noi incontriamo quando andiamo a lavorare. La vediamo tutti i giorni crescere, sembra non mancarle nulla per essere una bella casa, ma il tempo passa senza che i muratori arrivino alla fine dell’opera.. Si montano le finestre per non fare entrare l’aria, ma non si acquista l’impianto di riscaldamento per dare energia e calore. Così, pur non entrando più il freddo, non si riesce a stare bene. C’è chi dice che i lavori non sono stati terminati per mancanza di soldi da parte del costruttore, chi perché la casa sarebbe stata abbattuta in quanto non in regola con le norme edilizie e chi è certo a riguardo del fatto che non c’erano le fondamenta per una casa di quella categoria. Dopo avere chiuso le finestre con l’ingaggio dei serramenti in “Ferri” e dopo aver dato un tocco di classe all’architettura con la firma di un famoso artista del calcio, tutti si aspettavano il colpo finale, ossia quell’attaccante in grado di dare fuoco alle polveri della caldaia. Non è arrivato, nonostante l’avviso che confermava che la casa non sarebbe stata abbattuta per abuso edilizio, ma solo multata. L’impressione che si sia fatto molto ma non il necessario per richiedere la residenza in via Lega Pro è molto diffusa. Se fino a ieri il pessimismo a riguardo dell’impresa salvezza era del tutto condiviso, dopo la sentenza è rinata la speranza e le ultime ore di mercato si pensavano dedicate al colpaccio. La sentenza mette in evidenza la realtà delle cose in modo chiaro. Non si retrocederà (se si retrocederà) solamente  a causa della penalizzazione, ma anche per la penalizzazione. E non è la stessa cosa. Otto punti in venti partite sono media da retrocessione secca, questo lo ha detto il campo. Come dice l’amico Andrea Macchi “la salvezza era possibile”. La realtà vista con gli occhi di adesso dice che le più grandi penalizzazioni la Pro Patria se le è inferte da sola. Perdendo dieci partite di fila dopo una campagna acquisti massiva ma non qualitativa, affidando la squadra ad un allenatore non famoso per i suoi risultati in categoria, vivendo troppo a lungo il dualismo Ragazzoni- Collovati per poi rinunciare ad entrambi senza affidarsi ad un guru della categoria nel ruolo di direttore sportivo.  Da non dimenticare la mega vacanza natalizia concessa ai già certamente non brillanti tigrotti, nonostante il ritornello del “siamo partiti tardi e non abbiamo fatto il ritiro” fosse stato declinato per giustificare le dieci batoste consecutive. Forse era l’occasione per recuperare il tempo perso. O, almeno, garantirsi un alibi di ferro. Intanto, invece di rinforzarsi con quello che serviva per affrontare il decisivo match con il Renate, si è deciso di non intervenire sul reparto offensivo se non con un giocatore come Pià di grandi qualità, ma non pronto per affrontare il ritmo di una gara di Lega pro. Valutazione confermata ripetutamente dallo staff tecnico biancoblù che però ne azzardava la presenza in campo fin dal primo minuto nel match dell’anno con il risultato che tutti sanno. Scommessa persa a livello di scelta tecnica ma anche di scelta strategica visto che i tigrotti non ringraziavano per la generosa vacanza loro concessa con una prestazione sopra le righe. Anzi, più che tigrotti in campo si sono visti pigrotti. A parte qualche eccezione che come sempre conferma la regola. Arrivati a fine mercato e dopo aver incassato diversi “no” da giocatori contattati che si sono sentiti schifati dal vestire la nostra maglia, si è scelto di accontentarsi di qualche giovane di prospettiva, in attesa del rientro di Pià. L’impressione è che si sia alzata bandiera bianca proprio nel momento nel quale si è avuta la certezza che la penalizzazione non era quella temuta, ma solo quella sperata. Forse, sarebbe bastato poco per centrare l’impresa e questo alla luce della penalizzazione oggi produce qualche rimpianto di troppo. Ovviamente, la realtà impone di crederci ancora e di non mollare un centimetro. Certo è che è mancato il botto finale che avrebbe potuto riaccendere la speranza e dare energia ad una piazza che dopo aver letto rassegnazione nelle ultime gare disputate (1 punto in 4 partite) sembra aver messo da parte ogni residua speranza di salvezza.

Flavio Vergani

0 commenti: