Header

Tutto il mondo è paese...


"La Lega Pro è un purgatorio da cui vogliamo toglierci, in estate abbiamo fatto una squadra che ritenevamo attrezzatissima e competitiva. Poi Vavassori ci ha lasciato con il cerino in mano e ha destabilizzato un po' tutto: noi la Reggiana l'avevamo presa perché dietro c'era lui, altrimenti non l'avremmo fatto. Adesso siamo un pochino in difficoltà non solo per i soldi ma perché lui aveva un'esperienza che noi non abbiamo. Gli imprenditori della zona? Siamo stufi di lanciare appelli, il tanto sbandierato attaccamento alla maglia non si è tramutato in qualcosa di concreto e, infine, c'è stata poca collaborazione anche da parte delle istituzioni". Questa la confessione di Gianfranco Medici, socio di maggioranza della Reggiana, al Resto del Carlino.

0 commenti: