Header





Tigrotta fin dalla nascita affascinata dal suo primo eroe biancoblù: Paolo Tramezzani. Forte l’emozione di quel giorno quando Paolo la prese per mano e l’accompagnò davanti alla sua Porsche per regalarle la maglia con il mitico numero 3. La bimba rimase senza parole di fronte a quell’inaspettato regalo e condivise tutta la sua gioia con Simona, la sua madrina da sempre che ora la protegge da lassù. Paolo, anche in quella occasione, si dimostrò unico e squisito ed è grazie a lui che il sangue di Sveva si colorò di bianco e blù. Poi, la bimba crebbe un po’ e puntò gli occhi su Luca Anania che ricevette persino la bomboniera della sua Prima Comunione. Una venerazione forte per il portiere bustocco che tappezzò a lungo i muri della cameretta della neo tifosa bustocca con coloratissime gigantografie. Da quei giorni Sveva non è mai mancata ad una partita della Pro Patria che è entrata a far parte della sua vita di notte e di giorno. Soprattutto di Giorno, visto che Francesco è diventato il preferito dell’età adolescenziale. Un’amicizia forte con una stima reciproca importante che è proseguita anche dopo la partenza del centrocampista per Pesaro.Le amicizie vere non temono le distanze per cui i 403,5 chilometri tra Busto e Pesaro sono stati colmati in un attimo da Sveva che ha fatto visita a Giorno la scorsa settimana per salutarlo e assistere alla gara interna della Vis Pesaro, che milita  in serie D e che grazie alle prodezze di Giorno e Falomi è passata dal penultimo posto ad una discreta posizione di centroclassifica. “Bella partita- ha detto Sveva al suo ritorno dalla traseferta marchigiana-in serie D si corre molto e oltre a Giorno ho visto un Nicola Falomi davvero bravo che, oltre a segnare il goal del pareggio, ha dimostrato di essere un vero

attaccante”. La speranza di rivedere Giorno a Busto è forte per Sveva, ma dal mercato giunge voce che su Francesco sono stati posati gli occhi degli osservatori del Novara che lo stanno seguendo da inizio torneo per portarlo in una società collegata agli azzurri. Il signor Collovati che ha frettolosamente tagliato il ragazzo per far posto ai suoi campioni è stato servito e Francesco si è preso una bella rivincita. Il tempo è galantuomo sempre e comunque e mette a nudo le presunte competenze anche degli ex
campioni del mondo. Il tutto per la felicità di Sveva che vede finalmente apprezzato nel giusto modo il suo campioncino che fa sapere di essere comunque felicissimo della scelta Pesaro, un mondo pieno di attenzioni nei suoi confronti che farà fatica a lasciare nel caso le sirene novarese dovessero chiamarlo in Piemonte.
Flavio Vergani


 

 
 
 


0 commenti: