Header


La Pro Patria vince per uno a zero il derby con il Lecco grazie ad una magia di Santana che incanta gli 898 spettatori giunti allo “Speroni” (318 abbonati+580 paganti). Tra loro, anche il sindaco Antonelli una presenza che fa sempre il suo effetto.
 La Pro Patria soffre il grande caldo oltre ad una preparazione atletica pesante che ancora in questo momento indurisce  le gambe dei tigrotti. Si sta mettendo benzina nel serbatoio per arrivare con la massima potenza al periodo decisivo del campionato per cui non è semplice valutare la squadra in questo momento. Indubbiamente si notano potenzialità inespresse in taluni ruoli, mentre in altri si vedono giù importanti segnali di crescita.
Mister Bonazzi coniuga un solo verbo in questo momento che fa rima con costruire il nocciolo duro del team, lo spogliatoio, il gruppo, ossia la squadra.
Il miglioramento dovrà passare da questo snodo vitale per l’allenatore bustocco che, come detto in sala stampa a fine partita, ancora non conosce tutti i pregi e i difetti dei propri giocatori. Un processo che richiede tempo e pazienza e l’appello di Mario Santana che riportiamo in altra parte del sito è un importante segnale che va in questa direzione.
La Pro Patria sarà protagonista di questo campionato, ma questo non significa che vincerà o stravincerà tutte le partite come vorrebbe l’amico Lattuada, ma l’entourage è del tutto convinto che perlomeno i tigrotti si giocheranno la promozione fino all’ultima giornata.
Per cui, la vittoria di oggi è grasso che cola visto le condizioni ambientali e fisiche della squadra e come ha detto giustamente  mister Bonazzi è meglio vincere per uno a zero che per tre a zero, per evitare che l’ambiente possa pensare e convincersi che è tutto facile e dovuto.

Flavio Vergani

0 commenti: