Header

GIONTA: 5,5
Sul secondo goal forse poteva fare di più, ma con quel fisico ancora da irrobustire le uscite non sono il suo forte.

TONDINI: 5,5
Primo tempo da quattro secco, secondo tempo da sette pieno. Si scrolla timidezza e paure e risponde a tono ai soliti tromboni.

BARZAGHI: 5
Dicono di lui che è il terzino buono tra i due esterni. Lo vedono solo loro, noi vediamo cross in meta o a filo d'erba. Le punte ringraziano.

FERRARO: 5,5
Partenza horror poi si riprende, ma è troppo tardi

GARBINI 6
Fa il suo, anche se un po' troppo nervoso. Non basta per salvare la baracca.

DI SABATO: 5,5
Rispetto a inizio campionato è meno brillante, meno veloce di testa e meno determinante. Lui a calcio sa giocare bene, la domanda è perché non lo stia facendo

PEDONE: 6-
Il mister lo sposta e lui soffre la posizione mandando fuori giri anche i vicini di ruolo. Parzialmente assolto con beneficio d'inventario.

SANTIC: 6,5
L'unico che abbina la qualità alla quantità, ma è troppo solo in un centrocampo troppo "casual"

BORTOLUZ: 5
Picchi e flessi dei giovani, oggi era flesso. Maturerà, ma lo deve fare in fretta vista l'aria che tira.

MAURI: 6,5
L'unico che cerca di inventare qualcosa. Ha piedi buoni e un ginocchio malandato. Non può far miracoli, ma passare la palla ai compagni dopo qualche dribbling si. Questo lo potrebbe fare.

ARRIGONI: 6
Buoni i suoi primi venti minuti del match che lo hanno visto protagonista di un buon approccio alla gara. Poi esce e tanti saluti.

MISTER BONAZZI: 5,5
I cambi tattici per limitare l'assenza di Santana non incidono...anzi. Si merita però un otto per quello che dice in sala stampa: " servono le punte per vincere il campionato". Finalmente si parla della realtà e non della fantascienza.

SANTANA: 10  e lode
"Fosse stato per lui avrebbe giocato oggi", questo quanto rivelato da Patrizia Testa nel dopogara. "Marito" accolto in tribuna da un applauso vero e spontaneo è una "demo" per  i più giovani che possono capire al volo come serve essere per diventare campioni. Un esempio utile per non perdere il "filo" di un discorso basilare per essere e non per apparire.

0 commenti: