Header

Un raro sorriso di mister Bonazzi(Foto Garavaglia)
Santana si o Santana no? Santana ni, risponde mister Bonazzi (“ci penso questa notte”),ma la sensazione che il patagonico sia del match è quasi una certezza. “Se vinciamo si fa bella” è stato il ritornello della rifinitura quando Bonazzi lo ha ripetuto insistentemente ai sui ragazzi chiamati all’esame di maturità contro la capolista. “Squadra importante e forte la Pergolettese-dice Bonazzi- può far male con la velocità e la fisicità. Riuscire a fare il botto vorrà dire dare continuità e affrontare le ultime quattro partite dell’andata con la certezza di fare qualcosa di buono”. Questa la sintesi tecnica sui cremaschi. Novità in squadra? “Squadra che vince si cambia", risponde il tecnico che conia per l’occorrenza  un nuovo proverbio probabilmente per far intuire l’innesto di Santana. “Sembra strano, ma i ragazzi guardano la classifica, vincere domani e finire bene il girone vuol dire essere lì”. Mister Bonazzi ripete il punto per tenere alta la tensione in questo snodo fondamentale della stagione. Colombo? “Un jolly, giocatore che conosco da sempre, un giocatore importante con grande esperienza”.L’attacco? Merita un regalo di Natale?” No, segneremo di più quando giocatori come Arrigoni e Santic che non hanno mai giocato di fronte alla porta troveranno confidenza con il goal. Lo stesso Barzaghi che da terzino sinistro è chiamato a crossare richiede un cambio di modo di giocare che va migliorato con il lavoro. Lo stesso Bortoluz deve lavorare sulla potenza, a Grumello se dopo aver scartato il portiere avesse avuto più velocità l’avrebbe messa dentro. Troppo rilassato in troppe occasioni. Mario Santana in quelle occasioni l’avrebbe messa dentro, ma lui è 20 anni che è abituato a giocare di fronte alla porta”.Che Pergolettese si aspetta? ”Cambieranno qualcosa, sono sicuro che per metterci in difficoltà troveranno della novità tattiche. Credo terranno il 4-3-3 ma più coperto. Lavoreranno molto sugli esterni”.

Flavio Vergani

0 commenti: