Header

Mister Bonazzi è un tipo di poche parole e pochi sorrisi. L'impressione che la conferenza stampa sia la parte del suo lavoro che meno gli piace è quasi una certezza, ma sotto la corazza si intuisce la sua soddisfazione per la vittoria e per il modo con la quale è arrivata.
"Siamo partiti bene fin dai primi minuti costruendo occasioni. L'abbiamo sbloccata solo nel secondo tempo perché siamo fatti così. E' nel nostro dna dover produrre molte occasioni da rete prima di concretizzarne una. Sarei andato a casa rosicando se fosse finita diversamente. Abbiamo fatto una buona fase offensiva, difeso bene senza prendere goal. Tutte cose importanti. Abbiamo concesso solo una punizione dal limite. Chi è entrato ha fatto la differenza, tutti si devono tenere pronti, c'è spazio per tutti. Colombo l'ho messo in quel ruolo e non nei tre di difesa o di centrocampo per avere un interno in grado di attaccare lo spazio offensivo. Sono contento per Cappai che ha ritrovato il goal. Un giocatore diverso da Santana e Gherardi che garantisce potenza e profondità.
Domenica avremo fuori il giocatore più importante da quando abbiamo cambiato modulo. Le vittorie aiutano a vincere. Tirata di orecchie a Bortoluz, non si diventa giocatori mostrando il "tre" al giocatore. Io, almeno gli avversari li rispettavo sempre.
Bella la vittoria ma nel primo tempo abbiamo sbagliato troppo. Adesso abbiamo quattro finali. tre in casa e una fuori, dobbiamo fare più punti possibili. Dobbiamo dare tranquillità. Bello anche l'ambiente, oltre che la panchina con tanto valore aggiunto". Un giorno di riposo in più come premio? "No,-risponde il mister-si allenano così volentieri che non mi sembra il caso. Magari se avessero perso serviva di più..."
Flavio Vergani

0 commenti: