Header

Accademia Pro Patria che gioca, vince e convince gettando sul tavolo il Settebello. In mano il poker con le reti di Garbini, Zaro (che con quattro goals insegue bomber Bortoluz), Santana e il baby Casiraghi (figlio d’arte). Ora, si punta
alla scala reale.
La partita? Un monologo Pro Patria che ha incantato con un gioco spumeggiante e organizzato. Sul campo mister Bonazzi ha tracciato dei binari e i suoi ragazzi sembrano quei trenini svizzeri scala 1:48 che viaggiano paralleli in perfetto orario e quando arrivano allo scambio la sincrone è sempre perfetta.
Allo Speroni ci si diverte, la voce è corsa rapida in città e oggi si sono riviste le code alle biglietterie. Il posteggio comincia ad affollarsi e le facce di una volta tornano a farsi vedere. Oggi era la classica partita “demo” per i nuovi tifosi o per quelli con la puzzetta sotto il naso, come quel tale che aveva etichettato la metà di questa squadra composta da gente che poteva giocare al massimo in Eccellenza. Una certezza fondata su una presunta competenza che è stata spazzata via dal ciclone Bonazzi che prima ha ascoltato i suoi consigli dietro la ramata e poi fatto l’esatto contrario risolvendo la situazione di gioco e risultati. Partita demo che spesso nel passato è andata buca, ma questa volta la storia è diversa. Questa squadra ha spessore in campo e fuori e non teme niente e nessuno. Figurarsi lo Scanzorosciate che si potrebbe pensare sia venuto a Busto in versione “Scanso”rosciate. Invece, così non è stato. I bergamaschi hanno cercato di inventarsele tutte per limitare il passivo, ma solo l’alleanza del mediocre arbitro è riuscita a contenere i danni nel primo tempo. Nel secondo lo tsunami ha allagato la porta ospite, nonostante un guardialinee che è sembrato strabico in più di un’occasione fermando i tigrotti con fantascientifici fuorigioco.
Davanti le avversarie fanno filotto e le distanze rimangono immutate,ma domenica ecco lo scontro diretto Monza Pergolettese che darà modo di accorciare su una delle due o su entrambe. A patto che si vinca con l’Olginatese. Non un dettaglio vista la vicinanza del match e le cattive condizioni fisiche di qualche giocatore.

Flavio Vergani

0 commenti: