Header


Lecco: mercoledì stadio deserto,
ma il Comune chiude tutte le strade

23/01/2017

La contestatissima e incomprensibile decisione della Prefettura di "blindare" la gara tra Lecco e Aurora Pro Patria, impedendo di fatto alle tifoserie di assistere alla gara, avrà pure il sapore della beffa per l'intera città di Lecco. Nonostante solo poche decine di spettatori saranno in grado di entrare allo stadio, vale a dire quelle che domani riusciranno ad andare ad acquistare i biglietti in prevendita muniti di carta d'identità, la gara paralizzerà il traffico.
Sì perché, come in occasione di ogni gara casalinga del Lecco, l'Amministrazione comunale ha disposto la chiusura delle strade intorno al Rigamonti-Ceppi. Ci si chiede che senso abbia paralizzare la città in orari lavorativi di punta e di uscita dalle scuole se allo stadio non ci sarà praticamente nessuno. Ma ormai, in questa stagione a dir poco paradossale, è giusto e normale assistere a qualsiasi cosa...
Questo il comunicato stampa del Comune di Lecco: «In occasione dell’incontro di calcio in programma mercoledì 25 allo stadio Rigamonti-Ceppi di Lecco (e per consentire la rimozione del ghiaccio dai marciapiedi) dalle 8 alle 18 di mercoledì 25 gennaio via Don Pozzi, nel tratto compreso tra via XI Febbraio e via Rosselli, rimarrà chiusa, così come chiuse resteranno le vie Cantarelli e Pascoli, lungo le quali sarà anche istituito il divieto di sosta con rimozione forzata. Divieto di sosta e rimozione forzata disposte anche lungo via XI Febbraio, nel tratto antistante l’istituto tecnico Bovara».

0 commenti: