Header

Mister Bonazzi dribbla i giornalisti e con qualcuno di loro, più un fotografo, ci riesce. Inutili i tentativiidi Stefania Salmerigo, addetta stampa della società bustocca, di difendere l'organizzazione iniziata nella tarda serata di ieri e terminata nella tarda mattina odierna. La girandola di informazioni non basta e il mister termina prima la prevista rifinitura decidendo di rimanere a Castellanza e non andare a Busto per incontrare i giornalisti come concordato. Chi c'è c'è e chi non c'è non c'è. Punto. L'orario? Un dettaglio, come lo è sempre stato in precedenza.

Per fortuna la tecnologia aiuta e la disponibilità di Stefania cuce la situazione con l' invio di un provvidenziale file audio "che è come se fossimo presenti", anche se non è la stessa cosa. 
I famosi dettagli che, in questo caso, non fanno la differenza.
Che dice mister Bonazzi? Niente di nuovo su questi schermi: non guardare la classifica, giocare partita per partita, desiderio di rigiocare una gara, quella con il Monza, dove "eravamo troppo carichi" ( o forse loro troppo forti, n.d.r). Sempre secondo il mister c'è voglia di dimostrare che la gara di domenica è stata un errore (fatale n.d.r). Sui moduli il tecnico predica che "tatticamente dobbiamo essere pronti a fare più cose", anche se l'impressione è che questa squadra sa fare bene una cosa sola.
Infine, solita tiritera sugli avversari bravi a difendersi e ripartire su un campo piccolo. La menata è che il Monza le vince tutte, o quasi, anche con le presunte forti e che se il Ciserano ha i punti che ha, campo piccolo o grande, qualche problema dovrebbe averlo. Se la questione è psicologica forse occorre aumentare l'autostima di tutti, nessuno escluso. Se l'obiettivo è il secondo posto, il Ciserano non può e non deve far paura. Punto. Poi, solito massimo rispetto, ma per il fairplay, non per la classifica. Termina il tecnico bergamasco dicendo che: "Ora sarà importante il carattere. Bisognerà essere sempre sul pezzo e non pensare alla classifica. Il nostro obiettivo è il secondo posto." 
La classifica, a nostro parere, va guardata sempre e comunque per accorgersi fin da subito di non essere eventualmente secondi ed evitare che succeda quanto accaduto a Monza dove, dice Bonazzi, "non siamo mai scesi in campo".
Siccome accadde anche a Ponte san Pietro, a Boario e a Caravaggio, meglio avere sempre in testa che serve arrivare secondi perchè chi ha speso i dindini ha fatto una squadra che merita, come minimo, questo posto. Per cui, senza paura dare un occhio al televideo alla pagina 252 senza avere le vertigini
Chi gioca? I soliti, tranne Garbini infortunato e Bortoluz squalificato ( per lui match penitenza con la juniores). Torna Colombo. Santana? Tranquilli, c'è.
Flavio Vergani

0 commenti: