Header

Carta d’identità
Giovanni Zaro, nato il 12 Maggio 1994 a Busto Arsizio
Stato Civile
Fidanzato con Eleonora Zanella, ragazza di Trento conosciuta in vacanza. Un colpo di fulmine che richiede tanti sacrifici. Due ore e mezza di viaggio sono molte, ma ci troviamo bene. La storia dura da tre anni e sette mesi. E’ una ragazza mora per cui perfetta per i miei gusti che favoriscono le more rispetto alle bionde.
Le tue esperienze calcistiche :
Due anni alla Primavera dell’ AlbinoLeffe e poi all’Inter, poi Castiglione e quindi Pro Patria.
Capitano virtuale della Pro Patria, come vivi questa esperienza e come ti trovi in serie D rispetto alla serie superiore.
Fin da piccolo ho tifato per la Pro Patria, per cui sono felice di indossarne la maglia. Sono vicino a casa per cui la situazione è ideale. In serie D ci sono squadre che potrebbero giocare tranquillamente in Lega Pro, è comunque un campionato di buon livello.
Una partenza difficile con tanta panchina e poi…
Poi, il cambio modulo che ha permesso il mio impiego. Ma, non solo, mi sono sempre impegnato per dare certezze al mister e quando mi ha chiamato mi sono fatto trovare pronto.
Il giocatore a cui ti ispiri?
Bonucci della Juventus.
Hai la bacchetta magica in mano con un tocco chiederesti di giocare…
In serie A in Italia, il calcio inglese e spagnolo sono indubbiamente più spettacolari, ma non lI baratterei con quello italiano molto migliore a livello tattico. Le vittorie di Ranieri e Conte in Inghilterra confermano questa mia tesi.
Difensore goleador…
Quest’anno in modo particolare, speriamo di continuare.
Il giocatore che più ti ha messo in difficoltà nella tua carriera:
Evacuo del Novara e Fischnaller del Sud Tirol, due giocatori di categoria superiore.
La partita che ricordi con maggior piacere:
Il mio esordio a Busto contro il Lumezzane, una grande emozione macchiata da un’espulsione.
Papà Angelo è un grande competente di calcio, come vive la tua professione? Ti aiuta, ti consiglia e ti critica quando serve, oppure rimane defilato ?
E’ un consigliere, ma quando sbaglio me lo dice senza sconti. Avviene da sempre così anche se credo che da solo ho sempre capito quando sbaglio una partita.
Che tipo di vita conduci fuori dal campo?
Sport e ancora sport. Mi piace il basket, tifo per l’Armani Jeans di Milano e amo molto il tennis. Anche in estate amo giocare in spiaggia praticando tutti gli sport possibili.
Se dovessi rinascere chi ti piacerebbe essere?
Mi ritengo fortunato per quel che sono, abbinare professione a quello che amo fare è perfetto e non chiedo di più.
Se vincessi un milione di euro cosa faresti?
Farei un investimento per i miei figli e viaggerei molto.
Non hai mai pensato di collaborare con l’azienda di famiglia?
Certamente si , lo volevo fare già quest’anno alla mattina, ma gli impegni sono molti e non sono riuscito a conciliare le due attività. E’ un lavoro che vorrei affrontare seriamente, al momento non mi sento ancora pronto.
Meglio Facebook o Twitter?
Facebook
Apple o Android?
Apple
Che auto hai e che auto vorresti avere?
Ho un’Audi A1, vorrei la nuova Classe A della Mercedes
Meglio una sera in discoteca o in un ristorante a luce di candela?
Ormai…ristorante a lume di candela.
Meglio un uovo oggi o una gallina domani?
Quello che viene…
La vita è un sogno o i sogni aiutano a vivere meglio?
I sogni aiutano a vivere meglio.
Dove vorresti vivere?
Alle Maldive.
La tua ultima vacanza?
In Sardegna come tutti gli anni in estate, a Oslo con la mia ragazza a Natale scorso.
Aver trovato Patrizia Testa è come avere vinto al Superenalotto?
Visti i precedenti direi di si.
Dove ti vedi tra cinque anni?
Spero in ambienti calcistici di alto livello.
Il giocatore più simpatico della Pro Patria?
Mauri.
Con chi ti trovi meglio?
Mauri, Pedone, Di Sabato.
Quanti tatuaggi hai?
Uno, dedicato alla mia ragazza. E’ una frase che dice” pars animae meae” ,ossia, parte dell’anima mia.
Quante bugie hai detto in questa intervista?
Nessuna!
Flavio Vergani

0 commenti: