Header

 Avrei voluto che l’ultimo numero dell’anno del nostro Tigrottino celebrasse il ritorno in lega Pro, ma questo non sarà possibile. Lasciamo ancora una volta la squadra “sospesa” tra l’insidioso mar dei play off, e un ripescaggio ancor più infido ed incerto.  Cosa ci capiterà dopo l’ultima partita interna con il Darfo? Il Tigrottino andrà in ferie mentre i cuori dei tifosi non ancora! In questo mio primo anno passato nella “redazione”, ho capito quanto Busto sia attaccato alla squadra e quanta voglia abbia il pubblico di leggere quelle pagine tinte di bianco blu, sui gradoni di quel vecchio ma bellissimo stadio che è la casa della Pro.  Insomma, a parer mio, senza questo giornalino credo che lo Speroni non sarebbe davvero lo stesso. Le partite in casa senza dare una occhiata al Tigrottino non sarebbero davvero così identiche. In questo breve viaggio i miei compagni di “penna” sono stati davvero “una macchina perfetta”. La redazione ha capito quali fossero i nuovi desideri del pubblico, mantenendosi però fedeli a quella tradizione che questo giornale ha sempre avuto nei confronti dei suoi lettori. Abbiamo preso in dote un’eredità pesante dalla passata gestione che ha diretto il Tigrottino sempre in maniera impeccabile, per tutti questi lunghissimi anni. Anche noi dovevamo essere altrettanto bravi e a parer mio credo ci siamo riusciti. La nuova veste ideata dal bravo Alberto Pedotti, ha dato i suoi frutti. Il nuovo look è stato accettato molto bene dal pubblico nello stadio e dai vari lettori della città. Dietro a queste pagine ci sono veramente persone eccezionali, che passano molto del loro tempo libero a scrivere, gestire e a creare qualcosa che poche altre squadre (soprattutto in serie D) possono vantare di avere. Queste quattro facciate che sembrano poche, in realtà sono il frutto di un lavoro davvero impressionante e instancabile. Andrea Scalvi è rimasto continuativamente attento ai numeri e alle statistiche. Marilena Lualdi è stata capace di gestire una rubrica assai difficile sempre mantenendosi in linea con i pensieri della gente. Flavio Vergani che è davvero ininterrottamente “sul pezzo” ha gestito parecchie questioni molto importanti del giornale quali gli editoriali, le rubriche e molto altro, per dare sempre al Tigrottino qualcosa di fresco e attuale. Alberto Pedotti e il club sono stati pronti a distribuire “in ogni dove” queste belle pagine con precisione e puntualità maniacale. Del bravo Alberto Pedotti  sono anche molte idee per i vari titoli e per parecchie rubriche. Ed io?... Nella mia sezione del “prossimo avversario” mi sono divertito a scovare e raccontare storie di club molto interessanti. Ho potuto disegnare qualche copertina e gestire le didascalie di vari numeri, insomma il gruppo mi ha concesso molto dandomi piena fiducia che spero in cuor mio, sia stata sempre ripagata. Il primo viaggio di questo 
Tigrottino è stato duro e difficile, ma è stato anche bello, divertente e molto interessante. Un grazie dunque a tutti coloro che hanno collaborato con noi per realizzare qualcosa sempre di unico.  I vari editorialisti, tutti ragazzi del club e anche la stessa società della Pro Patria che ci ha aiutato fornendoci materiale, interviste e molto altro per riempire di cose particolari queste pagine. La grafica Olona che ha collaborato con noi in una simbiosi davvero unica. Per ultimo va un enorme grazie a Giovanni Garavaglia che con le sue foto ha colorato e impreziosito un giornale che senza le sue belle immagini sarebbe stato davvero vuoto.
Al pubblico volevo dire solo questo e credo di parlare per tutti i miei compagni di viaggio…
Abbiamo cercato di raccontare la verità e ciò che avveniva fuori e dentro il campo sempre in maniera imparziale.
Abbiamo cercato di mantenerci sempre fedeli alla storia e alle sue tradizioni.
Abbiamo anche commesso errori, refusi e altro ancora, però lo abbiamo fatto sempre in buona fede. A volte i tempi erano strettissimi e queste cose, per chi lavora sotto pressione, possono spesso capitare.
Siamo stati applauditi e anche “bacchettati” come giusto che sia da un pubblico sempre esigente.
Abbiamo compreso e assorbito le varie critiche più o meno costruttive e ascoltato ciò che molti avevano da dire e proporre.
Abbiamo cercato e cercheremo ancora persone che abbiano voglia di collaborare con noi e con il club.
Grazie davvero a tutti coloro che hanno apposto la loro firma sul Tigrottino e ai lettori sempre pronti a sfogliare quelle pagine che speriamo diano sempre più maggiori emozioni.
Le stesse emozioni che i ragazzi speriamo diano sul campo in questa fine di stagione
Forza Pro …ora sempre e dovunque.

Simone Merlotti

0 commenti: