Header

La Pro Patria vince per uno a zero la gara di Alzano con la Virtus Bergamo scacciando via le amarezze maturate dopo la gara di domenica scorsa.
Seppur priva di Disabato, Le Noci e di Zaro (influenzato)l’undici tigrotto è sceso in campo con determinazione e concentrazione, doti che hanno permesso di non correre rischi per tutti i novanta minuti. In goal, sempre lui, lo stratosferico Mario Santana che raccoglieva un preciso assist di Pedone, aggirava l’avversario come il mitico Alberto Tomba faceva con i paletti dello slalom speciale e insaccava.
Da quel momento in poi la Pro Patria non ha sbagliato nulla e anche i ragazzi entrati dalla panchina hanno risposto “presente” alla chiamata di mister Javorcic non lasciando scampo agli avversari.
Da segnalare il ritorno in campo dopo il  lungo periodo di assenza per infortunio di Elia Bortoluz, ossia quel che ancora mancava là davanti per essere completi. Una punta di fisicità che sarà il punto di appoggio per le manovre bustocche. Bentornato Elia!
In una giornata feriale, caratterizzata dalla limitata presente degli ultrà, ci hanno pensato i tifosi senior a movimentare la giornata con frequenti scambi di opinione con i tifosi locali. Alla fine grande esultanza del popolo tigrotto che hanno regalato un vero e proprio tributo a Mario Santana, lasciando di stucco quel tifoso bergamasco che per tutta la partita lo ha apostrofato invitandolo prima ad andare a preparargli il caffè, poi di cucinargli una pizza e infine di appendere le scarpe al chiodo in quanto finito.
Delle tre il capitano biancoblù non ne ha accesa nemmeno una, preferendo servire al fenomeno locale una salutare purga.

Flavio Vergani

0 commenti: