Header


I gregari si fanno da parte e la volata finale è lanciata. Sembra questa la sintesi che esce dalla ventiquattresima giornata di campionato. Cade per la seconda volta consecutiva la sorpresa Darfo Boario che da acqua frizzante torna ad essere liscia e naturale, mentre la corazzata Rezzato prende la vetta della classifica. I bresciani dopo i molti ritocchi alla propria rosa ( l’ultimo con la cessione di Bellanzini e l’acquisto di Sodhina)e dopo aver cambiato allenatore, ha decisamente cambiato passo tanto che nelle ultime sei partite ha vinto sei volte. Dopo la sconfitta di Lecco del 3 Dicembre e la pausa della settimana succesiva, la truppa di Filippini ha steso nell’ordine: Romanese, Grumellese, Pro Patria, Crema, Dro, Pontisola.
Impressiona il ruolino di marcia esterno con 9 vittorie, 1 pareggio e una 1 sconfitta. In casa, dopo l’inizio stentato i bresciani stanno migliorando il proprio score con 6 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte.
Attacco record con 48 goals segnati e 23 subite (peggio solo di Pro Patria e Darfo, pari merito con il Lecco). Insomma, numeri che se da un lato fanno paura dall’altro qualificano la forza della Pro Patria che dopo aver perso come ha perso con il Rezzato si trova solo un punto dietro e con una gara in meno giocata.
E’ anche vero che si si paragona il rendimento del Rezzato 2.0, ossia quello dopo la quadratura tattica, i bresciani sono avanti nella miniclassifica con 18 punti mentre la Pro Patria risponde con 13 punti, frutto delle vittorie con Grumellese, Romanese, Lecco e del pareggio con il Darfo. In mezzo, la maledetta sconfitta con il Rezzato.
Da qui in avanti sarà grave sbagliare in quanto a 14 giornate dalla fine ( 13 per il Rezzato) gli errori peseranno il doppio.
Intanto, seppur ancora non ufficiale, è molto probabile che la gara con il Crema di giocherà sabato prossimo in anticipo.
Flavio Vergani

0 commenti: