Header


Mi sono ripromesso sia con Nicolò Ramella, sia con Stefania Salmerigo, che avrei aspettato qualche giorno per scrivere questo articolo, ma la delusione è tanta. Sabato mattina gli abbonati alla Pro erano 185, forse oggi lunedì 3 settembre saranno qualcuno di più ma sempre per ora vergognosamente pochi. Turotti e la società, spiegano che la poca affluenza sia dovuta alla limitata conoscenza dei gironi e sul numero di partite in campionato. Io credo che la cosa sia poco vera, un vero tifoso che si rispetti e che ama la propria squadra non aspetta di sapere se siamo nel girone A o B, o se ci sono 17 o 18 partite, si abbona e basta. Anche perché i due gironi hanno comunque eccellenti e blasonati team da vedere allo Speroni, quindi niente scusanti. Le ferie? Può essere ma visto le amichevoli e quante facce amiche ho visto da 15 giorni a questa parte in giro per gli stadi, e fuori, mi chiedo come mai pochi di loro si siano ancora messi in coda per avere ciò che normalmente si desidererebbe dalla propria squadra del cuore. Abbonarsi non è un vincolo, né un obbligo su questo non ci sono dubbi, nessuno costringe nessuno, ma in passato, abbiamo fatto cose ottime e corso verso i botteghini, in campionati peggiori, con squadre al limite della sopportazione visiva. Oggi cosa ci manca per abbonarci? La presidentessa c’è, i ragazzi pronti a sudare per la maglia anche, e pure una società fatta da gente finalmente all’altezza, quindi? Fateci rimangiare queste poche righe e fate vedere alla Pro che in fondo ci tenete. Abbiamo addosso uno scudetto e torniamo nei professionisti, altre cose non servono….e se qualcuno dice che non le vedrà tutte…..fatevi due conti conviene sempre, sia a livello economico, sia a livello di tempo guadagnato. Le file per entrare in partite di cartello saranno molto lunghe. Ragazzi lo stadio è sempre quello, quello bello che fa battere il cuore!!. Qui vedremo squadre di un certo rispetto, mica le compagini di serie D, che siamo abituati a guardare da 2 anni a questa parte.
Forza…nessuno chiede di andare in massa tipo… file chilometriche come per vedere gli U2…Ma almeno arriviamo ad una cifra tonda poco alla volta dimostrando che a Busto si può ancora guardare uno stadio quasi pieno…..non solo quando conviene a tutti…non solo quando si sta vincendo un titolo o una coppa…
Simone Merlotti

0 commenti: