Header


 

Un attimo fa è suonato il mio cellulare. Sembrava un’interurbana, ma era una chiamata in roaming internazionale.
Sullo schermo un numero non in rubrica. Chi sarà mai?
Ho risposto. Pronto…chi parla?
Sono io…ti volevo chiedere un favore: potresti pubblicare quanto ti dico? 
Va bene, rispondo...
La voce non mi è familiare, ma mi è nota, anche se non riesco a collegarla ad un volto conosciuto.
Mi dice: Scrivi per favore che ringrazio tutti quelli che oggi mi hanno salutato.
I miei giovani angeli biondi che mi hanno accompagnato e tutte le persone che mi hanno dedicato un po’ del loro tempo.
Ma in quanti eravate? Più che nell’ultima partita con il Darfo Boario!
 Ho visto tanta gente in piedi, tanti amici, tanto amore per me. Siete stati fantastici!
Ho pensato che se tutti i presenti facessero l’abbonamento…
A proposito, io non sono là più, ma ci sono i miei bravi collaboratori che vi aspettano in segreteria.
Mi avete emozionato con quel lungo applauso che mi avete regalato, vi abbraccio ad uno ad uno.
Mi scuso con quanti non sono riuscito a salutare prima. Ho dovuto partire con urgenza, non ho avuto tempo, ma vi ricordo tutti dal primo all’ultimo.
Non sono sparito, sono solo in trasferta, vi vedo da qui.
Ho visto persone piangere, mi spiace...le capisco… ma non è così che mi fate felice...
Ti ringrazio per lo spazio che vorrai dedicarmi…
Chiedo: Scusi, ma con chi sto parlando?
Lui si stupisce e risponde: Ma come...non hai visto il mio numero sullo schermo? Non lo hai in rubrica? Ah no…è vero…tu hai solo quello della Patrizia.
A proposito, ho sentito che ha parlato bene di me, ringraziala appena la vedi. Dille che è una grande donna…a volte ci si dimentica di dirlo quando si potrebbe. Poi diventa difficile farsi sentire.
Appena passi allo stadio saluta le mie due perle, io brillerò in loro…così non vi mancherò mai.
Adesso hai capito chi sono?
Rispondo: forse si, ma non sono sicuro perché sento la voce forte e chiara, non sembra di una persona che chiama da lontano.
Infatti, è proprio così, perché non sono lontano, sono qui con voi.
Mi sentirete sempre molto forte e io sentirò fin qui l’urlo dello “Speroni”.
Grazie per la chiamata Gigi…
Grazie a voi ragazzi per l’affetto e l’amore che mi avete regalato.
Vi abbraccio tutti! 







































































































































































0 commenti: