Header

Il Mattino di Napoli
"Quando sento parlare di tattica le donne a me viene il voltastomaco", con queste parole Fulvio Collovati, campione del mondo nel 1982, ha etichettato il gentil sesso scatenando le reazioni di tifosi, tifose, femministe e maschilisti.
Episodio che si affianca alla vicenda Icardi e al pianto in diretta della moglie Wanda Nara
 a Tikitaka per difendere la causa del marito maltrattato (secondo lei)dall'Inter.
Anche qui le reazioni sono state molteplici tra cui quella di Billy Costacurta che ha tuonato: "se mia moglie andasse a spiattellare in giro le vicende dello spogliatoio la butterei fuori di casa".
Insomma, donne alla ribalta nel mondo del calcio che fanno del loro meglio per far parlare di sè.
Sulla vicenda Collovati qui a Busto tutti avrebbero da dire qualcosa e, in particolare una donna, alla quale il voltastomaco venne proprio quando lo stesso collaborava con la Pro Patria,il quale, nonostante fosse un uomo e nonostante fosse campione del mondo, riuscì nell'impresa epica di costruire una squadra che stabilì il record negativo di punti: sette, dicasi sette.
Quell'anno la nausea fu conseguente a questa realtà e i tifosi si liberarono di quel sintomo solo grazie ad una donna che riuscì a vincere un campionato, uno scudetto e forse un ticket per partecipare ai play off di serie C. Donna che di nome si chiama Patrizia e di cognome Testa.
Per cui, niente generalizzazioni, c'è donna e donna e c'è uomo e uomo. Tra i due, qui a Busto tutti scelgono la donna, certi che con lei il voltastomaco sofferto nel passato rimarrà  solo un triste ricordo.
Flavio Vergani

0 commenti: