Header




Correva l’anno 2014, e come vedremo sarà una stagione alquanto travagliata, sia sul profilo societario sia sul profilo sportivo. La Pro sul mercato acquista parecchi giocatori, alla fine tra cessioni, prestiti in entrata e in uscita e, ovviamente i nuovi arrivi, si conteranno 34 tesserati. Sei o sette però non vedranno mai o quasi mai il campo, per scelte di varia natura. L’estate è infuocata da due arrivi di grande spessore, D’Errico, e Baclet. Il secondo è la nostra meteora che andremo ad analizzare. Alain Pier Baclet, o Allan Baclet, come riportano tanti siti, è un attaccante ghanese classe 1986 reduce da una discreta stagione alla Casertana. Il suo cartellino è di proprietà del Novara, che non avendo spazio in rosa è da due stagioni che lo gira in prestito a varie società. Con il suo arrivo alla Pro, tutti i tifosi, prospettano un attacco di tutto rispetto, infatti assieme al bravo Serafini, e al forte D’Errico, parrebbe a molti, un trittico di enorme peso. Allan arriva a Busto con le migliori prospettive. Nonostante un infortunio nel 2011 al crociato del ginocchio destro, Baclet, dimostra tutto il suo enorme valore, fatto principalmente da un mix di tecnica, forza e visione del gioco molto apprezzati dal tecnico Oliveira. In quella stagione disgraziata si alterneranno ben 4 allenatori sulla “panca” bianco blu. (Oliveira, Monza, Tosi e Montanari). Allan inizia la stagione quasi sempre titolare, e di lui ricordiamo una bella doppietta al Novara nel settembre di quell’anno. Un 2 a 2 che sembrerebbe davvero l’inizio di un felice periodo per il Ghanese, ma vedremo che non sarà così. Acciacchi ed un infortunio mineranno il suo percorso a Busto. Anche se scenderà in campo 24 volte (tra coppa Italia, campionato e play out) il suo rendimento sarà molto altalenante. Tolta la doppietta sopracitata andrà a segno solo altre due volte, davvero poco per un attaccante di razza come lui. L’ultima apparizione il ritorno dei play out, il 30 maggio 2015. Di fronte i tigrotti acciaccati, contro uno sfavillate Lumezzane. Di Baclet ricorderemo un potente tiro al 30’, che va a lato di poco. Altro di lui in quel match non resterà!, come non resteranno bellissimi ricordi tra i tifosi bustocchi del ghanese qui in città. Allan lascia Busto come molti in quella stagione proprio dopo la partita contro il Lumezzane. Un fuggi-fuggi generale poco gradito alla piazza. Ci lasceranno dirigenti e direttori in quell’estate calda non solo a livello climatico ma anche a livello di ripescaggi, ricorsi e controricorsi. Baclet dopo i tigrotti, andrà a Matera, poi a Cosenza e infine nella Reggina. Con i cosentini vincerà un campionato di serie C mentre con il Matera farà la sua migliore prestazione a livello di gol (12). Le ultime sue notizie arrivano da web, e sono solo, di poche settimane fa. Allan o Alain che dir si voglia,  resta a terra dopo un terribile infortunio nella partita Pordenone-Reggina. Dopo uno scontro con un avversario, Baclet cade rovinosamente al suolo perdendo conoscenza. Per lui attimi di paura, ma alla fine solo una notte in osservazione all’ospedale locale per il gigante ghanese che a Busto è passato non lasciando troppe emozioni nel cuore dei supporters. Una brutta meteora?, no! tutto sommato un discreto giocatore, forse uno dei pochi “migliori” in una stagione variegata di “cose strane”, variegata come le famose camicie stravaganti del nostro primo tecnico Oliveira. Un anno disgraziato dove i play out sanciranno la fine dell’era Vavassori. L’anno seguente, sarà il peggiore della Pro in tutta la sua storia, un ripescaggio che forse era meglio non avere. Ma di questo abbiamo tristemente parlato già in parecchi articoli e come al solito, meglio goderci e narrare dei nostri progressi, che citare i nostri scempi passati. Baclet, dal Ghana a Busto, un passaggio breve ma intenso, come intensa fu quella stagione davvero particolare…forse troppo particolare!

Se vuoi leggere delle precedenti meteore resta sul sito e vai alle date indicate:

Andreasson       
29/ Aprile
Pià                         22/aprile
Karassavidìs       20/aprile             
Kalu                       18/aprile
Piro                       16/aprile
Cammarata        11/aprile
Galli Mora          10/aprile             

Simone Merlotti

0 commenti: