Header

Viaggio tra i tifosi della Pro Patria presenti ieri sera in sede per commentare le illustri partenze di questi giorni. Sorpresi? Delusi? Indifferenti?

Sentiamolo dalla loro viva voce.

Mauro de Bernardi: Sono dispiaciuto per la partenza di Zaro in quanto l'avevo individuato come una nostra bandiera. Comprendo il suo desiderio di misurare le ambizioni vista l'età come capisco la scelta di Gucci, ma comunque mi lascia un po' di amaro in bocca. Per fortuna abbiamo Sandro Turotti che saprà sostituirli al meglio. Il mondo del calcio è questo visto che ormai tutti guardano ai soldi più che alla maglia che rimane sacra solo per i tifosi.
A riguardo di Disabato e Santana credo che il primo, dopo le panchine dello scorso anno, abbia scelto una squadra che gli darà più spazio. A riguardo di Santana l'età ha imposto la scelta.

Riccardo Cazzani: La partenza di Zaro è del tutto nelle aspettative visto che si era capito che il ragazzo desiderava altre esperienze. Mi delude un po' la sua scelta visto che se andasse al Modena, come si dice, si ritroverebbe al peggio in serie D e in caso di ripescaggio in serie C, ossia nella stessa categoria della Pro Patria. Con più soldi guadagnati, questo è certo, ma per rimanere nella stessa categoria pensavo potesse rimanere a Busto, anche visto il ruolo del padre, un protagonista dell'imprenditoria locale. Sarebbe diventato un capitano di lungo corso a tutti gli effetti.

Danilo Castiglioni: Seguo la Pro Patria da quando era in serie B, era un altro calcio, adesso dalla serie A alla serie C non è più lo stesso. Zaro è andato via dopo il suo miglior campionato. Non era un fenomeno e rimarrà quello che è stato finora, ossia un buon giocatore che spero venga ben sostituito.
Certamente non ci sono più bandiere alla Taglioretti. Zaro lo poteva essere visto che è nato e cresciuto qui, ma ha scelto diversamente per seguire soldi e ambizioni. Per ora va in una società di serie D. Le altre partenze non incidono molto, Disabato non giocava mentre Santana è arrivato alla fine dopo averci deliziati con giocate di alta categoria. Sono felice che siano rimasti Pedone, Le Noci, Fietta e Tornaghi. Spero solo che la conferma di Mangano serva per farlo esplodere.

Giordano Macchi: Mi dispiace per la partenza di Zaro visto che è un buon giocatore. Ha seguito il dio denaro scegliendo un contratto che a Busto non erano in grado di garantire. Porto un esempio di giocatori che vanno via pensando di spostare gli equilibri: Bonucci. Non ha spostato nulla e poi è tornato da dove è andato via. Turotti saprà sostituirlo al meglio. Giusta anche la scelta di non confermare Santana, arrivati ad un certo punto occorre dire basta.

Roberto Centenaro: Mi spiace che Zaro sia andato via dopo il miglioramento continuo avuto negli ultimi anni. E' nato qui, era dei nostri, ma oggi il calcio è questo. Amo solo la maglia ma non i calciatori che so che prima o poi se ne vanno. Questi vanno e altri arrivano. Non sono contento per questo nuovo calcio senza legami e affetti.
Turotti porterà altri giocatori in grado di sostituirli. Sempre rispettando il budget. Inutile avere illusioni con una solo persona al comando, la città deve rispondere ma anche i tifosi che a volte reclamano per un abbonamento aumentato di qualche euro. Dobbiamo aiutare tutti, diversamente saremo sempre quelli che siamo.

Flavio Vergani

0 commenti: