Header

TORNAGHI: 6,5
Sul palo del Como dà l'impressione di esserci comunque sulla traettoria, poi salva il risultato con la solita paratona.

GALLI: 5,5
Imbottigliato nella fase offensiva, scivoloso in quella difensiva.

MASETTI: 6
Una via di mezzo tra Colombo e Spizzichino, visti i tempi che corrono ce lo si deve far bastare.

BATTISTINI: 6-
Contraerea schierata con l'obiettivo di sparare più in alto possibile e più lontano possibile e ci riesce alla perfezione

LOMBARDONI: 6
Impeccabile sulle palle alte dove domina alla grande, bene anche sulle punte avversarie apparse francamente sotto tono con un Miracoli di nome ma non di fatto.

BOFFELLI: 6
Il terzo quarto della terzina difensiva non stona una nota nell'arena comasca.

BERTONI: 5,5
Lui garantisce tecnica e geometria, oggi servivano forza fisica e ramazza, nel posto sbagliato al momento sbagliato.

FIETTA: 7
Torna nello stadio dove aveva conosciuto la serie B con i vari Barella, Scuffet, Ganz, Ebagua, Giosa, Bessa,e lo stesso Le Noci e non manca di far vedere ai suoi ex tifosi quanto sia rimasto un guerriero dal fisico imponente e con lo sguardo sempre alto. Il campo era allagato per tutti ma molto meno per lui che grazie alle sue capacità tecniche e alla visione tattica domina la scena regalandosi il titolo di migliore del match.

BRIGNOLI: 5,5
Si perde nella bolgia dantesca dove volavano calci e spinte in quantità industriali. Lui ha ben altro stile ed educazione per trovarsi a proprio agio in un ambiente così povero di qualità

MASTROIANNI: 5,5
Spesso sembrava Soldini in navigazione solitaria nell'oceano tanto la punta bustocca nuotava nel Senigallia allagato senza un faro di riferimento. Facile entrare nella lista dei dispersi.

LE NOCI: 6
Torna nel suo stadio dove ha lasciato ricordi indimenticabili e l'applauso che lo saluta a sostituzione avvenuta è il momento più bello di questo pomeriggio uggioso.

MISTER JAVORCIC: 6
Le assenze lo costringono ad una formazione quasi obbligata anche se la condotta di gara è apparsa fin troppo rinunciataria.


PUBBLICO DI COMO: 10
All'uscita di Le Noci dal campo scatta l'applauso forte, spontaneo, convinto per premiare Beppe per quello che ha fatto e continua a fare. Un uomo, un giocatore, un campione in campo e nella vita



0 commenti: