Header


Ripartenza del campionato si o no? Promozioni e retrocessioni si o no? Cassa integrazione per i giocatori si o no? 
Rimborso ai tifosi del prezzo degli abbonamenti si o no? Miglior tigrotto della stagione 2019/2020?
Questi i temi discussi con una selezione top di tifosi biancoblù e con uno special guest: Massimo Vannucci, super top dell’Arezzo.

Per dovere di ospitalità, sentiamo per primo il suo parere: Non sono favorevole alla ripresa del campionato, bloccherei promozioni e retrocessioni per ripartire con gli stessi organici. Favorevole alla cassa integrazione, mentre sugli abbonamenti farei uno sconto sul prossimo. Il miglior tigrotto? Semplice: lo stupendo pubblico di Busto. Anzi, aggiungo che senza pubblico il calcio non ha senso, per cui, finchè non si potrà averlo, meglio stare fermi.


Lorenzo Pisani: Non riprenderei il campionato, i costi sarebbero così elevati, senza nessuna certezza di garantire la sicurezza degli atleti. Farei salire in serie B le prime tre di ogni girone, con tre retrocessioni dalla serie cadetta. Identico discorso per le retrocessioni, tre per girone con promozione delle prime dalla serie D. Sono contrario alla cassa integrazione per i giocatori, meglio un contributo della Lega alle società finanziariamente virtuose, come la nostra, che con quei soldi gestirebbero l’emergenza. Cassa integrazione garantita solo a collaboratori e dipendenti. Sugli abbonamenti darei un colpo al cerchio e uno alla botte. Ossia un voucher, anche se il problema non mi coinvolge, visto che io e mia moglie non siamo abbonati. Certo è che le partite perse sono molte. Miglior giocatore? E’ passato un sacco di tempo, ho già rimosso tutto. Non voglio essere retorico, ma direi tutta la squadra, compresi tecnici e staff dirigenziale. Siamo rimasti in serie C senza patemi d’animo, per cui meritano tutti un applauso.


Giordano Macchi, vicepresidente e cassiere del Pro Patria Club: Se dovesse riprendere la serie A, giusto riprendere anche in serie C. Se non fosse possibile, eviterei promozioni e retrocessioni, per ripartire con gli stessi organici. Favorevole alla cassa integrazione, come c’è per gli operai e gli impiegati, ci deve essere per i giocatori che non hanno gli stessi stipendi dei loro pari di serie B e A. Uno sconto sul prossimo abbonamento è la mia proposta per il recupero delle partite perse. Il miglior tigrotto? Tornaghi.


Daniele De Grandis: Sono favorevole alla ripresa del campionato, diversamente stop a promozioni e retrocessioni. Favorevole alla cassa integrazione dei giocatori e al rimborso degli abbonamenti per le gare non viste. Il miglior tigrotto : bravo veloce sono le sue qualità, Kolaj il suo nome.


Lele Magni: Non sono favorevole alla ripresa del campionato, mancherebbero le necessarie misure di sicurezza per atleti, addetti e pubblico. In questo caso, condivido la proposta di Ghirelli, ad eccezione della stupidaggine del sorteggio per la quarta promossa. Farei salire le prime tre in B, tre retrocessioni dalla serie cadetta, tre retrocessioni per girone dalla serie C e promozione delle prime di ogni girone di D. I giocatori di serie C non prendono stipendi importanti, giusta la cassa integrazione, magari con contributo da parte di giocatori che hanno un ingaggio superiore al milione di euro. Sul discorso abbonamenti, non sono la persona più indicata per parlarne, visto che non sono abbonato. Direi che uno sconto sul prossimo abbonamento sarebbe una soluzione. Lombardoni, a mio avviso, stava acquisendo sicureezza, per cui lo voto come top player, anche se ho “il pallino”di Fietta.


Maurizio Lualdi: Non credo ci siano le condizioni di sicurezza per riprendere il campionato, ci vorrebbero troppi soldi per farlo. Promozione alle prime classificate nei tre gironi e il problema è risolto. Personalmente non chiederei il rimborso dell’abbonamento, giusto per aiutare la società, o, al limite, mi aspetterei uno sconto sul prossimo. Contrario alla cassa integrazione, a mio avviso le società devono garantire gli emolumenti ai tesserati. Tornaghi è il top player della Pro Patria.


Mauro De Bernardi: Non riprenderei il campionato, promozione alle prime tre della serie C e una retrocessione in meno dalla B. Tre retrocessioni dalla serie C, sorteggio in caso di parità. Cassa integrazione si, ma solo a chi ha un ingaggio lordo inferiore a 40 mila euro. Nessun rimborso sull’abbonamento, preferisco uno sconto sul prossimo, ma lo lascerei anche volentieri alla società quale mio aiuto economico. Tornaghi è il numero uno di nome e di fatto.


Maurizio Gombini: Penso ad una ripartenza parziale, le prime tre in B, play off tra le seconde. Sconto sull’abbonamento del prossimo torneo è la soluzione migliore, mentre i miei due migliori dell’anno sono Le Noci e Fietta, due esempi carismatici che danno l’esempio.


Alberto Fumagalli: parto dal miglior tigrotto e dico Le Noci. Rimborso abbonamenti? Ci mancherebbe altro che chiedessi soldi alla nostra presidentessa! Anzi, bisognerebbe aiutarla di più. Ok per la cassa integrazione per gestire questo stop che non credo sia risolvibile.


Alessandro Bianchi: Ripartire no, troppi costi per rimanere in ritiro permanente. Sto vedendo come la proposta delle promozioni per sorteggio, che pensavo una boutade, stia diventando seria. Non sono d’accordo. La mia proposta è di procedere con campionati in sovrannumero: 22 squadre in A, 24 in B, senza retrocessioni in questo torneo. Farei salire le prime tre della serie C, con mini play off tra seconde e il Carpi che è terzo con una gara in meno. Cassa integrazione? Non sono ferrato su questo aspetto, ma credo sia giusto concederla. Rimborsi abbonamento? Lo reputo difficile, non è uno stop dovuto alla società. Il migliore? Non è facile: Lombardoni ha dimostrato maturità nel ruolo di leader difensivo, Fietta ha fatto un grande campionato e sembra un ragazzino, idem per Le Noci. Aggiungo Mastroianni, sarebbe arrivato in doppia cifra.


Andrea Scalvi: La ripresa non è possibile a causa dei costi elevati per seguire i protocolli sanitari. Blocco delle retrocessioni e promozione dalla serie D delle prime in classifica. Con tutte le squadre che potrebbero sparire per problemi economici, credo non si supereranno le 60 partecipanti. 
Ovviamente, in B le prime tre della serie C, il sorteggio è assurdo e non premia il merito sportivo.
Favorevole alla cassa integrazione per ingaggi inferiori ai 50 mila euro, con un massimo pari al 80% dello stipendio, o similare. Sugli abbonamenti, direi di rimanere in stand bye e vedere quante partite del prossimo torneo saranno a porte chiuse. Lo sconto è soluzione corretta, ma ne parleremo in futuro.


Danilo Castiglioni, public relation man Pro Patria Club:   Nessuna ripartenza, promuoverei le prime dei singoli gironi  con play off tra le seconde. Ok per la cassa integrazione e lo sconto sui prossimi abbonamenti. Top player : Le Noci.


Andrea Chinello: Il campionato non va ripreso, manderei i calciatori in cassa integrazione in quanto sono anche loro degli esseri umani. Rimborso? Non mi interessa, è cosa talmente eccezionale quanto sta accadendo che non vedo cosa c’entri la società. Miglior giocatore? Riccardo Colombo.


Renzo De Grandis, consigliere del Pro Patria Club, non riprenderebbe il campionato, però farebbe play off e play out. Sul tema stipendi, meglio lasciare la cassa integrazione per gli operai e agire con un fondo comune di sostegno per i giocatori. Sconto sul prossimo abbonamento per il recupero del credito e Kolaj miglior tigrotto della stagione.


Dulcis in fundo, Andrea Macchi, il tifoso con centinaia di migliaia di chilometri nel motore della sua auto, pur di esserci sempre  quando gioca la Pro Patria, non ritiene ci siano le condizioni sanitarie  organizzative ed economiche per ricominciare a giocare. Promozione per le prime tre dei gironi e blocco delle retrocessioni. Pollice altro per la cassa integrazione, visti gli stipendi dei giocatori equiparabili con quelli dei lavoratori. Nessun rimborso per i tifosi, ma, vista la situazione economica che i cittadini dovranno affrontare, servono abbonamenti a prezzi popolari: 50 euro distinti, 100 euro tribuna, con ticket a 5 euro minimo e 10 euro massimo, con campagna abbonamenti aperta fin da subito. Il miglior tigrotto? Riccardo Colombo.

 Flavio Vergani








0 commenti: