Header


Tifosi biancoblu, presenti al Comunale di Busto attorno agli anni ’50 attenti alle evoluzioni dei Tigrotti.

Paiono pacati, sorridenti sino a quando non va storta per colpa dell’arbitro, per venia degli attori in biancoblu.
Allora alzano non solo la voce, d’inverno tiran dentro al campo palle di neve, quanto gli capita sotto mano. 

Aspettano il fine gara per regolare i conti con gli avversari le menti grigie del Taèla, dà a Capuana, di Quelli delle 19 sino agli arrembanti cari e tosti rimasti fedeli alla maglia biancoblu.

La società delega negli anni ’50 il capitano “ Funsìn Borra “ a mitigare i toni con il Taèla, il Baffo con piazza Garibaldi, il Lucio con San Giovanni, l’Ernani con il BarTigrotti.

Nel ’27 son 10mila presenze in via Valle Olona ProPatria-Atalanta Bergamasca ( 7 a 0 ) per assaporare le scorribande dell’asso nascente Carlo Reguzzoni.

Nel ’48 sono attorno ai 25mila, osannanti le evoluzioni del furetto Lello Antoniotti, le micidiali bordate del mancino/bustocco Enrico Candiani.

Nel’62, seppur in B, son potuto entrare al Comunale strapieno e colmo, sol perché sei dei nostri, appollaiarmi di traverso sulla tribuna est, gustarmi le prestazioni ad alto livelli degli amici Della Vedova, Amadeo, Taglioretti, Rimoldi, Signorelli, Crespi, Muzzio, Rovatti, Regalia, Meraviglia, Pagani , mattatori implacabili della Lazio grandi firme sconfitta 4 a 1.

Flavio Vergani ha ragioni da vendere nel non ritenermi discepolo dell’Accademia della Crusca, poiché riferisco di quanto mi ha passato il Convento di Busti Grandi relativamente al furball ed a quanto è girato attorno alla proficua ed operosa comunità bustese dalla dipartita degli Asburgo in poi.

Flavio ha ben donde nel rammentare che il tempo passato non torna più, che l’attualità non impone di pensare alla grande e mi trova pienamente d’accordo.

Rientro appena posso allo Speroni per gustarmi lo splendore della maglia biancoblu , raccattare anche sconfitte e delusioni, stare, a modo mio, accanto a Patrizia Testa e devoti collaboratori.

Giorgio Giacomelli

0 commenti: