Header

Suicidio della Pro Patria che perde incredibilmente la prima partita di campionato contro il Renate per uno a zero.

I tigrotti tengono in pugno la partita per tutto il primo tempo, senza concedere nulla ai quotati avversari e nel secondo tempo decidono di regalare i tre punti agli ospiti che ringraziano e volano in testa alla classifica.

Un "harakiri"incredibile che rende doppiamente amara la sconfitta odierna che poteva essere preventivata, ma non accettata dopo quanto visto in campo.

La prima puntata del suicidio in due atti avviene al 3° minuto del secondo tempo. Contatto in area di un difensore del Renate con Latte Lath che cade a terra, senza peraltro dare l'idea che il fallo sia da massima punizione, nel contrasto il pallone arriva sui piedi di Parker che tira e la mette nel sacco. Purtroppo, un attimo prima l'arbitro fischia il penalty e, da regolamento, non può concedere il vantaggio ai tigrotti. Poco male, è comunque calcio di rigore.

Sul dischetto di presenta Bertoni che tira angolato, ma troppo debole e il portiere Gemelli para. Goal annullato e rigore parato basterebbero per parlare di beffa, ma il peggio deve ancora arrivare.

E' il 21° del secondo tempo quando Gatti appoggia di testa un pallone al portiere Greco. Il pallone è laterale e rischia di terminare in calcio d'angolo. Il giovane estremo difensore tigrotto corre incontro al pallone per evitare il calcio d'angolo, ma, il controllo del pallone è impreciso.

Accorre Maistrello per rubare palla che viene atterrato in area dallo stesso Greco.

Calcio di rigore inevitabile!

Per cui, per salvare un calcio d'angolo, ci si trova con un rigore contro. Non proprio un affare. Galuppini non sbaglia e il Renate vince la partita.

Che dire se non che chi è causa del proprio male, pianga sè stesso?

Passiamo ai numeri: i tigrotti hanno la miglior difesa del campionato con 2 reti subite al pari della Carrarese e il peggior attacco del girone al pari dell'AlbinoLeffe con 2 reti realizate.

L'equazione è semplice, fino a che si mantiene l'equilibrio un punto è garantito, ma quando si subisce un goal diventa complicato ristabilire l'equilibrio.

Oggi si è fatto male Latte Lath e senza Le Noci, fin da Giovedì contro la Lucchese mister Javorcic dovrà inventarsi un attacco credibile.

Impresa non semplice.

Basterà un attacco così sterile per arrivare alla salvezza?

Chi vivrà vedrà.

Flavio Vergani


0 commenti: