Header



La vita è un sogno, oppure i sogni aiutano a vivere meglio? Scegliete voi, ma qui non si parla di sogni, bensì di numeri e quindi di realtà.

Realtà che è stata fotografata perfettamente dal tifoso storico "Lele"Magni, che ha recentemente scritto a riguardo della Pro Patria: "la squadra giusta, nel momento sbagliato".

Come dargli torto, visto che seppur la Pro Patria sia lontana dagli sguardi, ma vicina al cuore, non si può negare il fatto che ci stiamo perdendo molto del bello che i tigrotti ci stanno regalando.

Forse, in questo periodo, i tifosi guardano i numeri del bollettino dei contagiati, ma se solo allontanassero per un attimo questa triste realtà e guardassero la classifica, si accorgerebbero che, vincendo a Como, la Pro Patria sarebbe prima in classifica con 15 punti, seguita dalla Pro Vercelli a 14 punti e con una gara in meno. Per cui, male che vada, la Pro Patria sarebbe seconda. Certamente qualcuno dirà che ci sono troppi ma e troppi se nell'analsi e che anche "se mio nonno avesse avuto le ruote, sarebbe stato un carretto".

Ragionamento che non fa una piega, ma rimane significativo il fatto che i ragazzi di mister Javorcic stanno navigando ai confini con la fantascienza.

Chi dopo la perdita di Tornaghi e Mastroianni, sostituiti da un giovane portiere e un attaccante under lo avrebbe mai detto? Pochi, forse nessuno, qualcuno magari lo avrà pensato, ma mai detto.

Per cui, anche se il Covid time ci obbliga alla depressione, godiamoci un attimo di felicità guardando la classifica, un modo diverso per vivere l'eccezionalità che, in questo caso, non si chiama virus, ma Pro Patria e quindi da negativa diventa magicamente positiva. Quel positivo che piace a noi, non l'altro.

Flavio Vergani



0 commenti: