Header

Ennesimo "clean sheet"della Pro Patria che impatta per zero a zero a Gorgonzola con l'AlbinoLeffe di mister Zaffaroni.

Il pallone sembrava in preda ai sintomi del Parkinson, visto che, più che rotolare, tremava durante i passaggi, ma non perchè fosse sgonfio, troppo gonfio o non sferico, ma per il pietoso stato del terreno di gioco che ha condizionato pesantemente la partita. Una partita tra professionisti dovrebbe essere garantita su un terreno curato e ben manutenuto, vedere nuvole di terriccio alzarsi dopo ogni frenata di un calciatore è davvero inaccettabile. Va bene non disporre (ancora per poco )di uno stadio non di proprietà, ma che l'alternativa offra questo basso livello qualitativo è davvero fuori luogo.

Tornando alla partita, la Pro Patria, soprattutto nel secondo tempo, ha confermato di essere una squadra "con le palle". Infatti, ha cercato costantemente la vittoria con un comportamento proattivo e imperniato all'offensività che solo per caso non ha trovato una concretizzazione.

Diverse le occasioni da rete capitate ai tigrotti, che hanno mantenuto costantemente in mano le redini della gara, concedendo poco niente agli avversari.

E' mancato l'ultimo guizzo in area di rigore, ma nulla si può dire ai tigrotti a riguardo della voglia e volontà di portare a casa i tre punti.

Un pareggio che sta stretto alla Pro Patria in virtù di una gara condotta con spiccata personalità, elevata qualità delle trame proposte, nonostante il terreno di gioco più consono al gioco del rugby che del calcio.

Bene tutti i tigrotti con particolare plauso a Kolaj che ha saputo proporre giocate di qualità a conferma delle sue doti tecniche superiori, ma bene anche Spizzichino, entrato nel secondo tempo con grande voglia di mettersi in mostra e autore di soluzioni del tutto apprezzabili.

Mercoledì si torna di nuovo in campo con il turno casalingo con il Pontedera in questo pazzo campionato che propone numerosi e forse esagerati turni infrasettimanali.

Pro Patria che attende di sapere la disponibilità del suo centrale difensivo Lombardoni che oggi ha dato forfait per una forte contusione al flessore, che lo mette in dubbio anche per la gara di metà settimana.


Flavio Vergani


U.C. ALBINOLEFFE – AURORA PRO PATRIA 1919     0 – 0   (0 – 0)

 

U.C. ALBINOLEFFE (3-5-2): 26 Savini; 2 Cerini, 5 Canestrelli, 6 Riva; 7 Tomaselli (38′ s.t. 13 Mondonico), 4 Nichetti (17′ s.t. 30 Petrungaro), 20 Genevier, 28 Piccoli, 23 Gelli; 22 Manconi, 9 Cori (28′ s.t. 19 Ravasio).

A disposizione: 24 Paganessi, 31 Caruso, 3 Berbenni, 8 Trovato, 10 Gabbianelli, 29 Ghezzi, 32 Maritato. All. Zaffaroni.

 

AURORA PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 1 Greco, 6 Gatti, 13 Boffelli, 5 Molinari; 21 Colombo, 20 Nicco, 14 Bertoni (44′ s.t. 16 Fietta), 8 Brignoli (19′ s.t. 3 Galli), 15 Pizzul (28′ s.t. 17 Spizzichino); 11 Kolaj (19′ s.t. 10 Le Noci), 24 Latte Lath (28′ s.t. 30 Castelli).

A disposizione: 12 Mangano, 2 Compagnoni, 7 Cottarelli, 25 Ferri, 26 Masetti, 31 Vaghi. All. Javorcic.

 

ARBITRO: Bogdan Nicolae Sfira della Sezione di Pordenone (Giorgio Lazzaroni della Sezione di Udine e Thomas Miniutti della Sezione di Maniago. Quarto Ufficiale Senthuran Lingamoorthy della Sezione di Genova).

 

Angoli: 2 – 3. 

Recupero: 0′ p.t. – 4′ s.t.

Ammoniti: Nichetti (ALB); Latte Lath, Brignoli (PPA).

 


0 commenti: