Header



Quando l'ottimo Nicolò Ramella, addetto stampa della Pro Patria, comunica via messaggio il cambio d'orario della partita Pro Patria, è ormai l'ora del dopocena, per cui, terminava il messaggio con "scusate l'orario".

Certamente scusiamo l'orario della comunicazione, ma non quello della partita che è stata posticipata a Lunedì 29 Marzo, alle ore 15.00.

D'accordo che non c'è il pubblico, ma i tifosi hanno sottoscritto abbonamenti alle pay tv, o semplicemente, avrebbero il desiderio di farlo per non perdere la partita dei tigrotti.

Di lunedì alle 15 molti, anzi moltissimi, lavorano e si toglie loro questa possibilità.

Nel calcio, di Lunedi gli atleti dovrebbe riposare, oppure allenarsi, quando si gioca occorrerebbe farlo in un orario post lavorativo.

Poi, d'accordo che esiste il rispetto per le esigenze delle singole società, che spesso ( sempre) prevale sulle necessità dei tifosi, ma la conseguenza è una totale trascuratezza verso le loro esigenze.

Quando i tifosi torneranno a frequentare lo stadio e si chiederà loro di abbonarsi alla propria squadra del cuore, dopo tutte queste partite alle 12,30, piuttosto che infrasettimanali in orario mobili o il Lunedì alle 15, molti risponderanno: no grazie. Poi, che nessun si lamenti.

Flavio Vergani

0 commenti: