Header

Tutti promossi i tigrotti dopo un anno ricco di interrogazioni superate e compiti in classe perfetti.

Divertiamoci con un pagellone del tutto soggettivo che ha proprio l'obiettivo di favorire una sana discussione.

Per chi volesse mandare il suo pagellone, o semplicemente valutare diversamente qualche giocatore, invii una mail a propatriaclub@live.it 

GRECO 8 : Preoccupava il dopo Tornaghi, ora preoccupa il possibile dopo Greco. Questo spiega il valore di  questo giovane portiere, che si è rivelato una grande sorpresa.

PIZZUL 6,5: Altra vera sorpresa del campionato questo soldatino diligente che ha saputo comprendere fin da subito il gioco di mister Javorcic, interpretandolo al meglio. Per lui, conferma meritatissima.

COTTARELLI 6+:  Che rabbia per questo giocatore che ha corsa, fisico e velocità, ma sembra credere poco in sè stesso. Se rischiasse un po' di più e avesse meno paura dell'errore, diventerebbe molto di più del molto che già è.

SPIZZICHINO 6- :Sufficienza tirata e strappata nelle ultime giornate, quando ha migliorato un rendimento iniziale non indimenticabile. Vista la sofferenza nella fase difensiva, il suo futuro sarà da esterno alto?

MASETTI 6 : Arrivato tardi alla corte di mister Javorcic, ha saputo ritagliarsi spazio e gol. Quel che basta per una sufficienza piena.

GATTI 8 : Merita la standing ovation e con lui Turotti che lo ha scoperto tra i dilettanti del Verbania. Non solo si è adattato alla categoria, ma da subito ha fatto capire che gli sta persino stretta. Chapeau!

BOFFELLI 7 : Si conferma ad alti livelli di performance e migliora nella leadership, nel carisma, nella capacità di essere un punto di riferimento per tutti.

LOMBARDONI 7 : Termina la mutazione che da giovane under, lo restituisce un uomo e un giocatore pronto per il salto di categoria.

SAPORETTI  6+: Quell'errore di rinvio nel play-off è un ricordo troppo fresco che non fa dimenticare la sua duttilità e disponibilità ad inserirsi in un meccanismo perfetto.

MOLINARI 6+ : Prosegue la sua crescita verso la maturità tecnica che, inevitabilmente, deve passare da picchi e flessi, proprio come avvenuto quest'anno.

COLOMBO 7,5:  Contributo eccezionale fuori e dentro al campo. Presenza importantissima quando è stato presente con quella sua innata capacità di "coaching" che lo fa allenatore in campo. Il gesto etico del rigore rifiutato aggiunge un voto alla sua valutazione.

BERTONI 7:  Convince anche i più scettici a riguardo della sua indispensabilità, proprio quando è stato assente. Da aggiungere che la qualità di quest'anno è stata superiore a quella degli scorsi anni e questo aiuta nel far cambiare idea a chi faceva fatica a farlo.

NICCO 8: Non è una sorpresa, questo è ovvio, per lui parla il suo curriculum, ma ha stupito la sua abnegazione, la sua voglia di combattere, la sua "tigrottità" sconfinata. Danza in campo quando usa il fioretto, lotta come un guerriero quando sguaina la sciabola.

FIETTA 6: Stagione sfortunata per gli infortuni che lo hanno perseguitato. Ovviamente, il valore del giocatore è noto, come è nota la sua professionalità.

FERRI  6+: Trova spazio nel centrocampo bustocco più di quanto si aspettasse ed è bravo a conquistarsi la fiducia dell'ambiente con prove convincenti, mostrando un carattere interessante. Adesso, l'impresa più difficile: confermarsi.

GHIOLDI S.V:  Contro la sfortuna non vince nessuno, nemmeno i talenti, lo aspettiamo.

BRIGNOLI 6 : Un voto pesantemente condizionato dagli infortuni che lo hanno perseguitato. La potenzialità è ben superiore a quella dimostrata e a tratti lo si è visto.

PARKER 6,5:  Un inizio di campionato eccellente sotto il punto di vista realizzativo, poi un finale di grande sacrificio e disponibilità, ma con poche reti. La media del voto è discreta, ma è chiaro che questo giocatore può e deve migliorare quanto a score.

KOLAJ 7:  La sua è stata una parabola ascendente che, dopo il grave infortunio dello scorso anno, lo sta portando ai vertici della sua qualità, che è tanta. Ha mostrato scampoli di calcio di altra categoria, gli è mancato solo l'acuto finale con quell'incrocio dei pali nel play-off che gli ha negato la consacrazione.

LATTE LATH 8:  La seconda grande sorpresissima del campionato. La punta arrivata a Busto con il cartello  "che non segna mai", va in doppia cifra nei goal segnati in stagione e regala scorribande che mancavano dai tempi di "Ciccio" Frara. Una freccia così veloce che, per la velocità di trasmissione di Eleven Sport, è sempre andata in differita. Speriamo rimanga a Busto per dare modo ai telespettatori di vederlo in diretta dal vivo.

LE NOCI 6 :Secondo mister Javorcic è stato tra i giocatori più determinati dell'anno per come ha interpretato il suo ruolo e per questo meriterebbe un otto pieno. Sul campo ha portato un gol determinante in zona Cesarini, dimostrando che la sua zona Cesarini, ossia quella della sua carriera, ha ancora qualche colpo da regalare. 

CASTELLI: 6- Poche opportunità di mostrare il suo valore, ma inutile nascondere che ci si aspettava di più da questo ragazzo con esperienza internazionale. Ma, calma con le valutazioni, Turotti difficilmente sbaglia, per cui, se è arrivato a Busto, un motivo ci sarà.

MANGANO S.V : Impossibile dare un voto, viste le pochissime opportunità a lui concesse. Forse, il suo percorso di crescita è proseguito nel silenzio del lavoro settimanale, per garantirgli il posto da titolare nel dopo Greco. Un paghi uno e prendi due che potrebbe avere un senso.

VAGHI S.V: Un investimento per il futuro che ha studiato durante questo campionato la lezione della serie C. A occhio ha il fisico giusto per fare il suo mestiere.

COMPAGNONI S.V: Non trova mai il campo, ma per lui garantisce mister Javorcic e questa è un'assicurazione con la kasko.

MISTER JAVORCIC 10:  Quinto posto in classifica con una squadra infarcita di giovani. Miglior difesa del girone e seconda miglior difesa dell'intera serie C, secondo miglior rendimento in trasferta. Serve altro? La vicenda play-off è figlia degli infortuni che hanno spazzato via un big performer per reparto, ma non toglie nulla. Lo vogliono ovunque, ma noi lo vogliamo a Busto.

DIRETTORE SPORTIVO SANDRO TUROTTI 10 :Gatti, Greco, Latte Lath, sono perle incastonate in un collier di valore costruito con orafa pazienza e competenza. Compra l'oro con i soldi che servirebbero per l'argento.

ADDETTO STAMPA NICOLO' RAMELLA 10:  Riduttivo il titolo di addetto stampa, più corretto quello di responsabile per la comunicazione esterna, con delega per il marketing e l'attivazione di new channels. In un anno non semplice, ha saputo trovare il modo per tenere vivo il canale informativo con perfetto timing e creatività imprenditoriale, utile per l'awareness del brand Pro Patria e per proteggere la fidelizzazione della customer base.

PRESIDENTE PATRIZIA TESTA 10 E LODE: Il calcio di serie C è noto per i costi alti e i ricavi bassi e chi lo finanzia in tempi normali meriterebbe un monumento. Chi lo fa in tempo di pandemia con zero entrate e con costi sanitari da brividi, cosa meriterebbe? Molto di più, scegliete voi che cosa. Quel che c'è è grazie a lei, pensare ad un futuro senza fa rima con fine esistenza.

STAFF MEDICO, TECNICO, ORGANIZZATIVO 10 : Se dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna, dietro una grande donna c'è sempre un grande staff che con il lavoro quotidiano ha supportato il raggiungimento di un grande risultato. Un lavoro dietro le quinte poco visibile, ma importantissimo per il buon esito del progetto, svolto con grande professionalità e generosità.

SPONSOR E AMICI DELLA PRO PATRIA 10 E LODE: Sponsorizzare una squadra con lo stadio vuoto è un "no sense"commerciale, ma è pieno di senso per chi la Pro Patria ce l'ha nel cuore e non nel portafoglio. Compreso chi non ha un codice Ateco, ma ha voluto sponsorizzare la propria passione per questi colori.

Flavio Vergani



0 commenti: